Spiritualita Celtica

13.gif

La spiritualità  celtica torna oggi alla ribalta perchè è una spiritualità  ‘pratica’, sperimentabile e perchè porta all’attenzione dei popoli europei la loro effettiva eredità , restituendo una dignità  a quelli che vennero un tempo definiti come ‘il culto dei demoni’ e ‘la confraternita di streghe e stregoni’. In realtà  gli dei, i druidi e le druidesse non erano altro che espressioni dell’antica religione pagana (da pagus-i = della campagna) e forse alcuni valori insegnati nel passato tornerebbero utili ancora oggi se ben compresi.Gli insegnamenti druidici hanno la particolarità  di dare all’individuo un giusto posto e valore nello schema della Natura, facendogli riconoscere la sacralità  dei luoghi che abita e riconoscendogli il ruolo di loro custode.I druidi insegnavano che esisteva un solo dio, OIW, irraggiungibile dalla comprensione umana e che pertanto era inutile cercare di conoscerlo o invocarne i favori: Egli era talmente distante dalla realtà  umana che non se ne interessava minimamente.L’OIW però si manifestava secondo una triplice energia che prendeva il nome di SKIANT (Conoscenza-Saggezza), NERZ (Forza-Volontà ) e KARANTEZ (Amore-Creatività ) e che forniva tre strade verso il divino, tre sentieri percorribili da tutti. Queste tre energie venivano personificate dai Celti con la figura di un Vecchio (Skiant), un Giovane Guerriero (Nerz) ed una bellissima Donna (Karantez) che si suddividevano ciascuno in tre manifestazioni (ogni cosa che scende dal piano spirituale verso la materia ha triplice forma).

I druidi perciò sapevano dell’esistenza di un unico Dio che si esprimeva nella molteplicità , creando gli infiniti dèi che conosciamo. Ecco spiegato il mistero della dea Brighidh una e trina (la Brighidh degli artigiani, la Brighidh dei poeti e la Brighidh dei guaritori) o della Morrigan che si manifestava nella triplice forma di Nemhain, Boadhbh e Macha, o ancora nei numerosissimi esseri di luce preposti alla crescita della vegetazione, al prosperare degli animali, alla salvaguardia dei luoghi naturali e dei filoni di metalli preziosi che oggi chiamiamo fate, gnomi e folletti.I Druidi avevano organizzato la società  celtica secondo tale schema spirituale e le tre classi sociali erano quella dei Druidi (Conoscenza-Saggezza), quella dei Guerrieri (Forza-Volontà ), all’interno della quale veniva scelto il re che nei tempi antichi restava in carica un anno) e quella dei Produttori e Uomini d’Arte (Amore-Creatività ). Ecco che la spiritualità  celtica veniva vissuta quotidianamente e che il piano divino si manifestava all’interno della società  per mezzo dei suoi membri. Non vi era divisione tra il sacro e il profano ed ogni atto era un’espressione spirituale. Il sesso apparteneva alla manifestazione dell’Amore-Creatività , la guerra a quella della Volontà -Potere, l’insegnamento e lo studio a quella della Conoscenza-Saggezza ed ogni cosa rientrava nello schema della divinità  e della sacralità .Ciascun individuo si ritrovava così, in ogni momento della giornata e della propria vita, a poter accedere al mistero divino percorrendo fino in fondo la strada da lui scelta, sia come appartenenza ad una specifica classe sociale , sia come decisione individuale. In effetti tale tipo di organizzazione puntava molto sulla dignità  di ognuno, sulla libertà  interiore, sull’onore, sul valore della parola data ed ogni classe sociale possedeva dei ‘segreti’ di iniziazione che potevano portare il singolo a cambiare il proprio stato di coscienza ed entrare in contatto con le proprie potenzialità  inespresse e con quello che i Nativi americani definiscono il ‘Grande Mistero’.Un elemento interessante, è la Croce Celtica (una croce tracciata su un cerchio), molto simile alla Ruota di Medicina dei Nativi americani. In essa, se abbiamo le chiavi, possiamo ritrovare una gran quantità  di concetti dell’insegnamento duidico in grado di farci passare nell’Altra Realtà  tramite il cambio di stato di coscienza.La croce celtica porta in sè il concetto di ‘circolarità  delle relazioni’ che implica una particolare filosofia di vita e visione del mondo. Nascita e morte diventano tutt’uno con la creazione e smette di esserci una separazione netta fra il Buio e la Luce, il Bene ed il Male, il Giusto e l’Errato.In effetti nel loro insegnamento i Druidi non contemplavano la possibilità  di una ‘Creazione’ perchè per essi tutto era una ‘creazione in atto’ e non poteva esistere un momento specifico in cui tutto era iniziato. Questo tipo di pensiero è modernissimo e molto vicino a quello degli scienziati contemporanei che parlano di un ‘continuo susseguirsi di Big Bang’.La mentalità  celtica, tanto differente dalla nostra, era permeata di magico e di divino, non come espressione primitiva o selvaggia di popoli dalle poche conoscenze, ma come manifestazione della realtà  spirituale legata a quella terrena. Perchè, dobbiamo chiederci, molte delle conoscenze druidiche sull’universo vengono oggi confermate da scienziati e lo stesso avviene per le proprietà  della materia? Come potevano gli antichi Druidi avvicinare l’intima natura dell’ambiente che li circondava senza essere dotati di apparecchiature che oggi sembrano indispensabili per la conoscenza?I Druidi insegnavano tali conoscenze nelle radure delle vaste foreste europee, lo sussurravano negli incontri alla luce dei fuochi e coperto dalle note di canti e musica, lo narravano tra le pieghe di intrecciati racconti e miti, lo facevano intuire durante le cerimonie rituali e le feste del fuoco e soprattutto lo esprimevano tramite i giochi, le battaglie, l’organizzazione sociale, le poesie, le forme artistiche di pietre e metalli, i matrimoni ed ogni fenomeno che permetteva al mondo del Sìdh, il mondo spirituale, di manifestarsi sulla terra degli uomini.Come già  è stato detto ogni cosa era sacra ed in ogni cosa si poteva ritrovare il sottile filo che collegava l’individuo alla realtà  spirituale. Teniamo ben a mente un pensiero: il fatto di non percepire la Realtà  Spirituale non ci può permettere di dubitare della sua esistenza; miglioriamo i nostri strumenti percettivi e ci ricrederemo!In conclusione, cercando di fare una sintesi delle informazioni che ci sono pervenute dalle numerose fonti, per ricavare alcune idee di base dei principi della spiritualità  celtica, possiamo esporre in questo modo i fondamenti del Druidismo:” affermazione dell’esistenza di un Dio unico, da cui si manifesta una gerarchia spirituale che rappresenta le forze della
Natura.” venerazione del Sole (l’Occhio di Dio) come simbolo visibile del principio Unico ed Increato, manifestato e rappresentato da tre raggi di luce (trinità  creatrice), legati al nome del dio:
O.I.W.” accettazione della materia come elemento dinamico dell’evoluzione. Spiritualità
incarnata.” evoluzione spirituale attraverso più vie (cerchio d’Abred, la Necessità ). Presenza della Legge di Causa ed Effetto nell’azione (Kroui celtico equivalente al Karma sanscrito). Molteplicità  dei mondi abitati e dei piani della
Manifestazione.” rispetto della vita universale (rifiuto di uccidere senza necessità ). Apertura di spirito, manifestazione della tolleranza, dell’ospitalità , dell’altruismo, dell’amore fraterno, dello spirito di unità . Sentimento acuto di indipendenza legata alla libertà  ‘punto di equilibrio di tutte le opposizioni’ (come citato nei Bardas)” uguaglianza dei diritti tra uomo e donna. Riconoscimento dell’equivalenza delle loro funzioni reciproche e complementarispiritualità  razionale, assenza di dogmi rigidi: gli insegnamenti trasmessi oralmente sono destinati ad essere compresi e non appresi. Primarietà  dello ‘spirito’ in rapporto alla ‘lettera’. Comprendere e spiegare il mondo che ci circonda, nel quale e per il quale viviamo, ricollegandolo alle cause invisibili del piano spirituale. Metodo pedagogico del dialogo,gli scritti, destinati alla massa, esprimono il contenuto degli insegnamenti sotto forma di massime (Triadi bardiche) e di leggende.

 1,001 total views,  1 views today

Lascia un commento