Orto e giardino: Come comprenderlo in breve? Parte 1

39.gif

Avere un giardino è bello ma, a meno che non si disponga di un giardiniere esperto, è necessaria anche tanta passione per tenerlo a regola d’arte, con il prato ben rasato, le siepi ben potate, i fiori e le piante curati nel modo giusto perchè crescano belli e rigogliosi. Se si è disposti anche a qualche piccolo sacrificio, a dedicare qualche ora del fine settimana a tutte queste operazioni, ecco che il pezzetto di verde di cui si dispone, può dare veramente infinite soddisfazioni. Questo capitolo è rivolto a chi ha deciso di affrontare tale esperienza. Sono elencati innanzitutto gli attrezzi che occorrono per i lavori indispensabili, spiegando poi come si seminano fiori e piantine, si coltivano erbe aromatiche, come si deve trattare il prato all’inglese o le siepi.

ATTREZZI

Possono essere suddivisi in due gruppi: quelli che servono essenzialmente per il giardino e quelli indispensabili per l’orto.1. Tosaerba (con motore elettrico a scoppio). Può essere di dimensioni variabili a seconda dell’estensione del prato.Tagliaerba. E’ uno speciale attrezzo per pulire il giardino lungo sentieri e in prossimità  di muri e siepi (è composto da un blocco motore al quale è collegato con un filo di nailon un accessorio che, azionato elettricamente, si muove in modo molto veloce staccando i fili d’erba che incontra sul suo percorso.Tagliasiepi. A motore, è indispensabile per potare le siepi, operazione che va fatta almeno un paio di volte all’anno.Altro. Rastrello, per raccogliere l’erba tagliata o sassi, rimuovere foglie secche, ripulire i vialetti del giardino; falcetto per tagliare l’erba nei punti in cui non arriva il tosaerba, cesoie e forbicioni per la potatura di rami e fiori, arieggiatore a lame d’acciaio per raccogliere i residui di erba tagliata rimasti sul prato; tubi in plastica (con eventuale raccoglitubo per innaffiare).2. Badile. A punta quadrata per raccogliere terra e sassi, sistemare aiuole e ripulirle.Zappa. Serve per rompere le zolle quando il terreno è molto duro (tra le più usate quelle a punta triangolare o quadrata).Vanga. E’ necessaria per rivoltare il terreno (preferibile il tipo a punta aguzza e di formato medio).Trapiantatoio con la lama piegata a cucchiaio. E’ utile per togliere dal terreno in profondità  le piantine che devono venire rimosse.Altro. Paletti di legno o metallo o plastica per sostenere piante giovani e delicate e farvi arrampicare alcuni ortaggi, come pomodori, piselli, fagiolini, fagioli; innaffiatoi; piccoli apparecchi da irrigazione a pioggia, a braccia rotanti o fisse, che vanno collegati con un tubo fissato al rubinetto dell’acqua. Questi apparecchi sono in plastica o in metallo e hanno svariate forme. Sono utilissimi anche per innaffiare il prato.Tutti gli attrezzi indicati devono essere tenuti in un ripostiglio ben arieggiato dove non corrano il rischio di arrugginire (può andar bene anche il box); nello stesso locale conviene sistemare qualche scaffaletto dove disporre gli antiparassitari, le buste delle semenze, i bulbi, ed eventualmente un paio di stivali o vecchie calzature da utilizzare quando ci si dedica ai lavori di giardinaggio. Dopo l’uso gli attrezzi vanno sempre ben ripuliti; finita la stagione estiva, quando il giardino e l’orto non hanno più bisogno di cure, occorre fare una revisione scrupolosa, pulire a fondo le lame del tagliaerba, ungere tutti gli utensili a lama e metterli in un posto riparato.

ORTAGGI

Innanzitutto bisogna riservare all’orto un pezzetto di terra che sia ben riparato dal vento, con una giusta esposizione al sole e separato dal resto del giardino con una piccola recinzione in legno o in rete di plastica. Il terreno va poi suddiviso in quadrati o in rettangoli ben delimitati dedicato, ciascuno, a un ortaggio diverso. I primi lavori da fare sono, in genere, i più duri e noiosi perchè prevedono lo sgombero di eventuali detriti, sassi o altro, che vanno rimossi con il badile e trasportati con la car riola (anche questo accessorio deve far parte della attrezzatura da giardinaggio) in un luogo dove possano poi essere raccolti in appositi sacchi e trasferiti alla discarica. Quando il terreno è ben ripulito, è possibile stabilirne la qualità  e, a seconda che sia argilloso, calcareo o sabbioso (il parere di un esperto può essere molto utile, forse indispensabile, per la classificazione) decidere quali coltivazioni sono più adatte. Prima di piantare qualunque seme, bisogna dissodare il terreno con molta cura, scavando abbastanza in profondità  per togliere sassi, pietre, eventuali radici, tutto quanto insomma può, in seguito, nuocere alle piantine: il lavoro va eseguito con la vanga. Dopo questa operazione bisogna mescolare al terreno, sempre secondo la qualità , torba, concime o eventuali altri prodotti (suggeriti da persona esperta) che agevolino lo sviluppo delle colture. Come si è detto, l’orto va suddiviso in aiuole quadrate o rettangolari (chiamate prode) in ognuna delle quali si semina un ortaggio diverso, secondo un calendario ben preciso. Tra un’aiuola e l’altra deve esserci un piccolo sentiero che permetta di camminare senza calpestare la terra seminata. Le prode devono risultare elevate di qualche centimetro rispetto ai sentieri e ancora più alte nel centro per permettere un buon deflusso dell’acqua, sia quella piovana sia quella dell’innaffiamento. A proposito di quest’ultimo, è importante che vicino all’orto ci sia un rubinctto dell’acqua, al quale si possa applicare un tubo di gomma o plastica con relative bocchette a spruzzo per poter bagnare le prode con facilità . Per quanto riguarda gli ortaggi da coltivare si suggerisce di piantare; quelli più comuni e utili, di cui è riportato di seguito un piccolo elenco.

Aglio.E’ senz’altro uno degli aromi più usati in cucina. Gli spicchi si piantano tra ottobre e novembre (non temono il gelo), oppure tra gennaio e marzo, distanziati di 30/40 centimetri. Nella tarda primavera bisogna innaffiare ogni giorno, ma con moderazione. In giugno si strappano i fusti con le mani, per favorire l’ingrossamento dei bulbi che, in luglio, sono pronti per essere raccolti.

Bietola.Va seminata tra giugno e agosto; ha bisogno di terriccio permeabile e di molta acqua, specie se la stagione estiva è calda e secca.

Carota.Pianta che non ha troppe esigenze; si può seminare tra febbraio e luglio, sparpagliando le sementi in file parallele. Quando le piantine sono grosse circa un dito, se sono troppo ravvicinate, occorre distanziarle, in modo che tra l’una e l’altra ci siano almeno 5 centimetri di spazio. Cicoria o radicchio. Esistono moltissime varietà  e non resta che l’imbarazzo della scelta. Si acquistano le sementi in bustine e si procede alla semina, seguendo le indicazioni scritte sulla busta. Il terreno deve essere ben conciliato, con concime organico mescolato a concime chimico; bisogna inoltre innaffiare molto spesso, specialmente durante l’estate.

Fagiolini.Vanno seminati tra aprile e agosto, in terreno soffice, non troppo calcareo, facendo delle piccole buche distanti 50-70 centimetri una dall’altra e piantandovi cinque o sei semi per buca. Quando le piantine cominciano a crescere, bisogna sostenerle e legarne le estremità  alle apposite cannucce (tutori) disposte a coppia trasversalmente; durante lo sviluppo delle piante bisogna sarchiare il terreno almeno un paio di volte. I fagiolini devono essere abbondantemente innaffiati.

Lattuga.Si semina tra aprile e giugno, in terreno ben concimato e morbido; bisogna innaffiare spesso, badando però a far penetrare l’acqua nelle radici, senza bagnare le foglie che altrimenti possono marcire.

Peperone.Semina tra aprile e giugno, in terreno soffice e ben lavorato, conciliato con letame fresco, (in mancanza di concime fresco si può usare quello organico in polvere che si acquista presso i negozi specializzati). Le piantine devono essere piuttosto distanti una dall’altra; vanno innaffiate con parsimonia perchè la troppa umidità  può essere nociva. Anche il peperone ha bisogno di un apposito sostegno (tutore), man mano che la pianta cresce. I frutti migliori sono quelli della parte alta della pianta: quelli più bassi vanno eliminati in modo che gli altri possano ingrossarsi e crescere meglio.

Pomodoro.La semina di questo ortaggio deve avvenire in aprile (con piantine già  fiorite) sempre che l’aria non sia ancora troppo fredda. La distanza ideale è di 50-80 centimetri tra una pianta e l’altra. Quando le piante cominciano a crescere vanno sostenute con tutori a cui vanno legate con speciali fili piatti di plastica o rafia. Le innaffiature devono essere quotidiane, solo se il terreno è molto secco.

Zucchine.Vanno seminate tra aprile e maggio, in terreno fresco, ben conciliato e, se possibile, un po’ sabbioso. Le zucchine devono essere raccolte quando sono ancora piuttosto piccole e verdissime; in caso contrario diventano amarognole e molto acquose. Se le piante fanno troppi fiori, è bene eliminarli in modo da avere zucchine più saporite.

ERBE AROMATICHE

In un orto non deve mai mancare una zona per le erbe aromatiche indispensabili in cucina. E’ riportato anche in questo caso un elenco delle più comuni e usate.

Alloro.Va piantato sotto forma di alberelli, in una zona non troppo soleggiata, ma protetta da vento e freddo. Durante l’inverno è bene difendere le piante con paglia o foglie.

Basilico.Si acquistano le piantine già  fiorite e con relative radici e si piantano verso il mese di maggio, a 30-40 centimetri di distanza l’una dall’altra. Le innaffiature devono essere frequenti, specie se fa molto caldo.

Maggiorana.Si semina tra aprile e giugno e in estate si raccolgono le sommità  fiorite che, volendo, si possono essiccare.

Origano.Si semina in aprile e si può usare sia fresco sia essiccato.

Prezzemolo.Si semina tra marzo e aprile o agosto-settembre. In tal modo è possibile avere prezzemolo per tutto l’anno (nei mesi più freddi bisogna però proteggere le colture con paglia o foglie secche o teli di plastica). Il terreno deve essere solido e ben concimato; i semi vanno interrati non troppo profondamente, in modo che formino delle file parallele, distanti tra loro circa 30 centimetri.

Rosmarino.La pianta va collocata nel terreno all’inizio dell’autunno, in terra ben concimata, scegliendo un angolo riparato dal vento, ma ben esposto al sole. Se le piante sono più di una devono essere distanziate di almeno 60-70 centimetri per potersi ben sviluppare.

Salvia.Come il rosmarino va piantata all’inizio dell’autunno in un posto riparato (e durante l’inverno difesa dal freddo con paglia e foglie). Le piantine devono avere una distanza di almeno 40-50 centimetri; se il clima è molto secco richiedono frequenti innaffiature. Quando compaiono i fiori bisogna tagliarli per favorire lo sviluppo delle foglie.Si è fin qui parlato di piantare e coltivare, ma è altrettanto importante che si sappia almeno a grandi linee, quali sono i lavori indispensabili da fare, o far fare. Gennaio e feebbraio sono mesi morti; solo in marzo si può cominciare a dissodare il terreno, a concimarlo e a ripulire i piccoli sentieri dalle foglie secche e dai sassi trascinati dalla pioggia. In aprile, se si sono già  interrati i semi, è importante proteggerli da eventuali brinate con stuoie di paglia o con foglie secche. Da maggio in avanti il lavoro aumenta, perchè bisogna sarchiare il terreno, zappare, eliminare le erbe infestanti ed eventualmente provvedere a innaffiare le nuove culture, se la pioggia è scarsa. L’operazione va fatta al mattino presto o alla sera, quando il sole è tramontato e le piante non sono più tanto calde. Giugno, luglio e agosto, sono ovviamente i mesi in cui le coltivazioni vanno controllate, bagnate ripetutamente in caso di siccità , protette dagli insetti con prodotti appositi. A settembre si possono diradare le innaffiature e si comincia a ripulire le aiuole dalle foglie secche. Quest’ultimo lavoro va intensificato in ottobre, specie se intorno all’orto vi sono alberi che perdono foglie in continuazione. Gli ultimi due mesi dell’anno, come i primi due, non richiedono particolari lavori. Si può eventualmente fare una specie di bilancio dei lavori fatti nei mesi precedenti e dei risultati ottenuti, e predisporre un nuovo programma per le future coltivazioni, eliminando, riducendo o sostituendo quelle che hanno dato risultati meno soddisfacenti.

IL PRATO ALL’INGLESE

Un prato ex novo richiede terreno zappato a fondo, concimato, livellato e rullato. Qualunque detrito, sasso, pietra, radice, erbe infestanti vanno estirpati ed eliminati (fare attenzione a non interrarli). L’ultima operazione, prima della semina, è quella di rullare il prato, poichè il terreno deve essere ben compresso (è tale se, camminandoci sopra, non si sprofonda). Il prato può essere seminato da marzo a maggio, o da settembre a ottobre, quando la terra è ancora calda, ma non eccessivamente. I semi devono essere molto fini e ben selezionati: si deve scegliere una giornata di tempo bello e seminare molto fitto, il più possibile vicino al suolo. Dopo la semina si rastrella leggermente per coprire i semi, si ricopre con uno strato di terriccio, si rulla e si innaffia leggermente. Il primo taglio va fatto quando l’erba ha raggiunto dieci centimetri di altezza. L’erba tagliata va subito raccolta e successivamente si può effettuare una rullatura del prato. E’ bene ricordare che più frequenti sono le rasature, più il prato si mantiene bello. Durante la stagione calda e molto secca, è importante che venga innaffiato spesso con irrigatori a pioggia: l’operazione deve essere fatta al mattino presto o alla sera, dopo che il sole è calato da tempo.

914 Visite totali, 1 visite odierne





Lascia un commento