La legge della potenzialità pura

46.gif

“L’origine di tutta la creazione e la pura coscienza…la potenzialita pura, il non-manifesto che tende a trasformarsi in manifesto.Quando l’uomo comprende che il se e fatto di potenzialita pura, egli entra in sintonia con la forza che rende manifesta ogni cosa nell’universo. “

All’inizioNon c’era esistenza ne non-esistenza,Il mondo era solo energia non-manifestata …Lo Spirito alita, senza alito, mediante il Suo potereNiente altro esisteva…

La prima legge spirituale del successo e la Legge della Potenzialita Pura, la quale si basa sulla constatazione che l’uomo, nel suo stato essenziale,e coscienza pura, ovvero potenziali di pura, ovvero campo di possibilita illimitate e di creativita infinita. La coscienza pura e la sua essenza spirituale. Essere infiniti e liberi significa anche provare una gioia pura. La conoscenza pura, il silenzio infinito, l’equilibrio perfetto, l’invincibilita, la semplicita e la felicita assoluta rappresentano gli altri attributi della coscienza. Questa l’essenza della natura dell’uomo: la potenzialita pura. La scoperta dell’essenza della vostra natura e la vera conoscenza di voi stessi rappresentano di per se la capacita di realizzare qualsiasi sogno, perche voi siete l’eterna possibilita, il potenziale incommensurabile del passato, del presente e del futuro. La legge della potenzialita pura potrebbe parimenti essere definita la legge dell’unita: alla base delle infinite e svariate forme di vita sussiste infatti l’unita di uno spirito onnipresente. Non c’e separazione tra l’uomo e tale campo energetico, poiche il campo della potenzialita pura e il vostro Se: quanto piu vivete la vostra vera natura, tanto piu vi avvicinate al campo della potenzialita pura.L’esperienza del Se o mdell’autoriferimento implica prendere come punto di riferimento il proprio spirito e non gli oggetti delle nostre esperienze. Il contrario dell’auto-riferimento esterno,in base al quale subiamo sempre l’influenza degli oggetti posti al di fuori del Se, tra cui le situazioni, le circostanze, le persone e le cose. Il riferimento esterno porta alla ricerca costante dell’approvazione altrui; in tal caso il nostro modo di pensare e il nostro comportamento si esprimono sempre in funzione di una risposta e, conseguentemente, si fondano sulla paura. Il riferimento esterno, inoltre, fa nascere in noi un forte bisogno di controllare le case, di esercitare un potere sull’ ambiente circostante: il bisogno di approvazione, di controllo e di potere esterno sono in realta dettati dalla paura. Tale genere di potere non deriva dalla potenzialita o dal Se, o dal potere reale. L’esperienza pura,del potere che deriva dal Se,infatti, esclude il timore, il bisogno compulsivo di controllare ogni cosa e la lotta per ottenere l’approvazione e il potere esterni.Nel riferimento esterno, il punto centrale e l’ego, il quale tuttavia non rappresenta la vostra vera entita, bensi l’immagine che date di voi stessi; l’ego e la maschera che indossate nella societa il ruolo che interpretate. Esso si consolida con l’approvazione altrui, vuole avere il controllo di ogni cosa ed e sostenuto dal potere, poiche vive nella paura.Il vero Se, che e il vostro spirito, la vostra anima,e invece completamente estraneo a quanto descritto. Esso e infatti immune nei confronti della critica, non teme nessuna sfida e non si sente inferiore a nessuno. Nel contempo e umile e non nutre sentimenti di superiorita nei confronti di nessuno, perche riconosce che ogni altro soggetto e un espressione del Se, dello stesso spirito in forme diverse. Questa e la differenza sostanziale fra riferimento esterno e auto-riferimento. Quest’ultimo consente di conoscere il proprio essere, il quale non teme nessuna sfida, rispetta tutti gli uomini e non si sente inferiore a nessuno.Il potere che deriva dal Se e quindi il vero potere. Quello fondato sul riferimento esterno e invece falso:dato che si basa sull’ego, la sua durata e subordinata all’esistenza dell’oggetto di riferimento. Se si possiede un titolo -la presidenza di un paese o di una societa -oppure una grossa somma di denaro, il potere che ne risulta dipende dal titolo, dal lavoro e dal denaro. Il potere correlato al proprio ego durera fino a quando esisteranno i fattori che lo determinano e cessera percio nel momento in cui questi verranno a mancare. Il potere che deriva dal Se e, viceversa, permanente in quanto basato sulla sua conoscenza. Esso presenta alcune caratteristiche, tra cui quelle di attrarre gli individui e le cose che si desiderano e di esercitare una forza magnetica sulle persone, le situazioni e le circostanze atte a favorire la realizzazione dei propri desideri.Viene anche considerato come aiuto fornito dalle leggi della natura, dalla divinita, che giunge quando si vive in stato di grazia. Il potere di cui un uomo viene a disporre e tale che egli gioisce dell’unione con gli altri uomini e che questi gioiscono del legame con lui: e il potere della comunione con gli altri, che deriva dal vero amore.Come si puo applicare nella nostra vita la Legge della Potenzialita Pura, il campo di tutte le possibilita? Se volete godere dei suoi benefici, usare pienamente la creativita intrinseca della coscienza pura, dovete accedere a tale campo. Uno dei sistemi per raggiungere questo obiettivo si avvale del silenzio, della meditazione e dell’astensione dal giudizio. Il contatto con la natura consente anche di recepire le qualita intrinseche del campo della potenzialita pura, ossia la creativita infinita, la liberta e la felicita assoluta. Fare silenzio significa impegnarsi a riservare un certo spazio di tempo semplicemente allo scopo di esistere. Sperimentare il silenzio significa astenersi periodicamente dal parlare e da attivita quali guardare la televisione, ascoltare la radio o leggere un libro. Se negate a voi stessi l’oppotunita di vivere l’esperienza del silenzio,turbate il vostro dialogo interiore.Riservate saltuariamente un po’ del vostro tempo per rimanere in silenzio, oppure impegnatevi ogni giorno a mantenerlo per un certo periodo, per esempio due ore. Se questo lasso di tempo vi sembra troppo lungo, provate a farlo per un’ ora e, di tanto in tanto, per periodi piu lunghi, come un giorno, due giornio persino un intera settimana. Che cosa succede quando si vive l’esperienza del silenzio? Inizialmente il dialogo interiore diventa ancora piu confuso e si avverte un intenso bisogno di comunicare. Procedendo con l’esperienza, il dialogo interiore si placa ed entro breve tempo ilsilenzio diventa profondo. Dopo un po’, infatti, la mente si arrende: si rende cioe conto che non ha senso continuare ad agitarsi se voi – il Se- lo spirito,colui che decide – non avete intenzione di parlare. Quando il dialogo interiore si fa piu tranquillo, si inizia a sperimentare la calma del campo della potenzialita pura. Stare periodicamente in silenzio, nel modo in cui ognuno preferisce, permette di sperimentare la Legge della Potenzialita Pura, come del resto dedicare ogni giorno un po’ di tempo alla meditazione. L’ideale sarebbe meditare almeno trenta minuti la mattina e trenta la sera. La meditazione vi insegnera a sperimentare il campo del silenzio puro e della consapevolezza pura. Nel campo del silenzio puro si trova quello della correlazione infinita, del potere organizzativo illimitato, il luogo primo della creazione dove le cose sono inseparabilmente collegate.Con la quinta legge spirituale,la legge dell’intenzione e del desiderio, vedrete come sia possibile determinare la manifestazione spontanea dei vostri desideri ricorrendo a una lieve intenzione. Bisogna innanzitutto vivere I’esperienza della quiete, requisito fondamentale per la manifestazione dei desideri, poiche essa vi mette in contatto con il campo della potenzialita pura, capace di armonizzare per noi un’infinita di dettagli. Immaginate di lanciare un sassolino in uno stagno, di osservare i cerchi che si formano nell’acqua e, una volta che questi sono scomparsi,lo stesso succede di lanciare un altro sassolino: quando entrate nel campo del silenzio puro e manifestate un’intenzione. In condizioni simili, persino la piu piccola delle intenzioni avra risonanza nel campo della coscienza universale, che unisce le singole cose. Se,tuttavia, la vostra coscienza non vive l’esperienza della quiete, come un oceano in burrasca, potreste lanciare l’intero Empire State Building e non vi accorgereste di nulla. Nella bibbia e scritto: “Ascolta e riconosci che sono il tuo dio” e a questo stato si puo giungere soltanto attraverso la meditazione.Un’ altra via di accesso al campo della potenziata pura consiste nell’astenersi dal formulare giudizi.Il giudizio,esprime la costante classificazione delle cose in giuste o sbagliate,buone o cattive. La valutazione, la classificazione e l’analisi continue generano nel dialogo interiore molta confusione che compromette il flusso di energia tra l’uomo e il campo della potenzialita pura. Lo “spazio” tra un pensiero e l’altro viene letteralmente ristretto. Detto spazio costituisce il legame con il campo della potenzialita pura. Questo stato di pura consapevolezza, di spazio silenzioso tra un pensiero e l’altro, di quiete interiore, vi mette in relazione con il vero potere. Diminuendo lo spazio tra i singoli pensieri, anche il collegamento con il campo della potenzialita pura e della creativita infinita viene ridotto. Attraverso il silenzio la meditazione e l’astensione dal giudizio, applicherete la Legge della Potenzialita Pura. A questo punto, e possibile introdurre una quarta componente, ossia la comunione costante con la natura. Il contatto conquest’ultima vi mette infatti nella condizione di percepire le interazioni armoniose di tutti gli elementi e di tutte le forze del creato e vi fa sentire in unione con esso. Ogni elemento che vi correli con la natura – sia esso un corso d’acqua una foresta, una montagna, un lago,o un lido-vi consente di entrare nel campo della potenzialita pura.E necessario imparare a mettersi in contatto con l’essenza piu recondita dell’essere,al di la dell’ego. Essa e impavida, libera, non teme le critiche ne le sfide. Non e inferiore ne superiore a nessuno; e piena di magia, di mistero, d’incanto. Il contatto con la vera essenza dell’essere permette di comprendere a fondo la natura dei veri rapporti, che sono il riflesso di quello che si ha con se stessi; ad esempio, se si nutrono sensi di colpa,di paura e insicurezza nei confronti del denaro o del successo, significa che questi sentimenti rappresentano gli aspetti principali del successo,significa che in questi sentimenti rappresentano gli aspetti principali della propria personalita. Non ce denaro o successo che possa risolvere problemi esistenzialo simili: soltanto l’intimita con il SE consente di ottenere un effettiva guarigione. Infatti quando avrete imparato a conoscere il vostro vero Se-quando cioe comprenderete appieno la vostra vera natura – non proverete mai sentimenti di colpa, di paura o di insicurezza nei confronti del denaro, o della ricchezza, o dei desideri: comprenderete che l’essenza della ricchezza materiale e l’energia della vita, la potenzialita pura,ovvero la vostra natura intrinseca. A mano a mano che vi avvicinerete alla vostra vera natura, nasceranno spontaneamente in voi pensieri creativi, poiche il campo della potenzialira pura e altresi il campo della creativita infinita e della conoscenza pura. La ricchezza dell’universo – la sua splendida e prosperosa abbondanza – e l’espressione della mente creativa della natura.Quanto piu si entra in sintonia con essa,tanto piu si accede alla sua creativita infinita e illimitata. Tuttavia si deve inanzitutto eliminare ogni confusione dal dialogo interiore e mettersi in relazione con la mente prolifica, ricca, infinita e creativa della natura. In questo modo si favorisce una possibile attivita dinamica e, nel contempo, si gode della quiete della mente creativa, eterna ed illimitata. La perfetta combinazione della mente silenziosa, illimitata ed infinita, con la mente dinamica, limitata ed individuale, rappresenta l’equilibrio perfetto tra quiete e movimento, che puo esaudire qualsiasi desiderio. La coesistenza degli opposti -calma e dinamismo -rende indipendenti dalle situazioni, dalle circostanze, dalle persone e dalle cose. Nel momento in cui si riconosce con tranquillita la perfetta coesistenza degli opposti, si e in linea con il mondo dell’energia – il mondo dei quanti, della non materia – da cui origina quello materiale. Questo mondo di energia e fluido, dinamico, adattabile, cangiante, in continuo e altresi invariabile, movimento. Tuttavia esso calmo, quieto, eterno e silenzioso. La quiete in se costituisce la potenzialita creativa, cosi come il movimento e un aspetto particolare della creativita. Il movimento e la quiete combinati vi permettono invece di liberare la vostra creativita in tutte le direzioni ovunque vi porti la forza del vostro interesse. Ovunque andiate con il movimento e l’attivita,portate con voi la quiete: in questo modo il caos che vi circonda non vi allontanera mai dalla sorgente della creativita,dal campo della potenzialita pura.

APPLICAZIONE DELLA LEGGE DELLA POTENZIALITA PURA

Proponetevi di mettere in pratica la Legge della Potenzialita Pura, impegnandovi ad adottare i seguenti propositi:

1. Entrero in contatto con il campo della potenzialita pura, trovando ogni giorno il tempo per rimanere in silenzio, semplicemente peresistere.Inoltre, siedero da solo, in meditazione silenziosa, almeno due volte al giorno, per circa trenta minuti la mattina e trenta minuti la sera.2. Ogni giorno trovero il tempo per entrare in comunione con la natura e per percepire in silenzio l’intelligenza che e in ogni essere vivente. Mi siedero, in silenzio, osservero il tramonto, oppure ascoltero il rumore dell’oceano o di un corso d’acqua o semplicemente sentiro il profumo di un fiore. Nell’estasi del mio silenzio e attraverso la comunione con la natura, godro del palpitare eterno della vita, del campo della potenzialita pura e della creativita illimitata.

3. Mi esercitero nell’astensione dal giudizio. Iniziero la giornata con la seguente affermazione: “Oggi non esprimero giudizi di sorta” e, nel corso della stessa, mi ricordero di questo proposito.

fiume.jpg

 

 

 1,257 total views,  1 views today

Lascia un commento