Intolleranze Alimentari: Scopriamo dei trucchi

articoli.gif

Parliamo di intolleranze. Il tema e tra i piu controverso, perche si tratta di una serie di reazioni varie dovute all’incapacita di digerire un alimento. Tra le intolleranze la piu frequente e quella agli zuccheri: In particolare al lattosio, lo zucchero del latte. Per digerire questo zucchero, composto da due zuccheri semplici, c’e bisogno di un enzima che si chiama lattasi. Se non ce, il lattosio non viene digerito e questo puo causare gonfiore, meteorismo, crampi e diarrea. Per questa intolleranza esiste un esame specifico da fare in ospedale. E il Breath test che consiste nel respirare in uno strumento che rileva se nell’aria c’e piu o meno idrogeno e suggerisce una difficolta digestiva o meno. Per indagare se invece c’e intolleranza alle fave o allo zucchero della frutta. fruttosio ci sono gli esami del sangue.Ma quali sono i sintomi?Si va dai disturbi gastrointestinali,come dolori addominali,diarrea,gonfiori, all’asma, mal di testa, stanchezza, tachicardia, orticaria fino allo shock anafilattico . Ci sono poi due sindromi particolari legate alle intolleranze. La sindrome orale allergica causata da vegetali crudi, l’altra, piu curiosa, detta la sindrome da ristorante cinese, che ha sintomi molto violenti: febbre, cefalea e dolori articolari che possono durare anche 12 ore, causata dagli alti contenuti di glutammato presente nelle salse della cucina cinese. Non esistono test specifici per evidenziarli, e il medico a diagnosticarle. Ma quali sono i cibi piu a rischio di allergie? Fragole, bianco d’uovo, latte, crostacei, noci, e tutta la lunga lista di allergie crea- te da additivi, coloranti ed eccipienti alimentari.

TEST PER CAPIRE L’ALLERGIA

PRICK TEST Si fa in ospedale, ma non e doloroso perche la puntura e superficiale. Si applica una goccia di estratto allergenico sull’avambraccio facendola penetrare con una minuscola lancetta sterile. Se c’e allergia, gia dopo 15-30 minuti, la pelle si arrossa. In genere si chiede al paziente di osservare la zona per le 24 ore successive.

PRIST E RAST TEST Hanno buona validita scientifica, ma non sono efficaci al 100 per cento. Sono entrambi prelievi di sangue. Dal Prist si riesce a fare un dosaggio delle immunoglobuline IgE, gli anticorpi che combattono l’allergene,e quindi si pub dire se e in atto un’allergia, ma non a cosa. Il Rast test permette, invece, un’indagine piu accurata. Estratti di alimenti sospetti si lasciano reagire in provetta con il sangue del paziente. Se c’e allergia, gli anticorpi presenti per quell’alimento (le IgE specifiche) reagiranno e produrranno una reazione precisa, misurabile con strumenti di laboratorio.

PROVA DI SCATENAMENTO CONTROLLATO Si somministra per gocce una sostanza allergenica O un placebo. Ha una validita del 100 per cento, ma e un test molto pericoloso perche puo scatenare nuovamente la reazione allergica. Si esegue soltanto nei casi in cui occorre avere estrema certezza dell’allergia a un alimento, prima di escluderlo completamente dalla dieta (come nel caso di latte, uova o cereali).Le allergie e intolleranze sono entrambe delle reazioni avverse agli alimenti che, pero,presentano meccanismi diversi. Nel caso delle allergie, il sistema immunitario produce anticorpi specifici (le immunoglobuline IgE) contro una proteina dell’alimento che riconosce come nemica, l’allergene. Nel caso delle intolleranze, invece, non c’e una reazione del sistema immunitario. L’intolleranza e un problema gastrointestinale, dovuto alla mancanza o al cattivo funzionamento di certi enzimi che servono per scindere i cibi e digerirli.

IL 30% DEGLI ITALIANI SOFFRE DI INTOLLERANZE. QUELLA AL LIEVITO E TRA LE PIU DIFFUSE
0,5% LE PERSONE CHE SONO ALLERGICHE A UN CIBO, PER ESEMPIO ALLE FRAGOLE

7 Disturbi molto diffusi, le cause, le soluzion

iSe la pancia e gonfia la colpa e del lievito

Pancia gonfia? Sei intollerante al lievito, che non si trova quasi mai puro negli alimenti ma miscelato con altre sostanze, di solito un miscuglio di agenti chimici, cherendono il pane piu scuro o croccante, ma sono i veri responsabili dell’intolleranza.

 

lievito.gif

Come si interviene?
Di genere si elimina il pane per un mese sostituendolo con gallette di riso o pane azzimo, che a volte contiene lievito, ma in quantita minore. I soggetti particolarmente sensibili devono rinunciare anche ai biscotti e sostituirli con quelli senza lievito. Spesso le persone si sentono cosi bene dopo aver eliminato il pane, che decidono di non reinserirlo piu. In ogni caso il pane va consumato massimo due volte a settimana per le prime due e poi tre volte a settimana per altre due e cosi via, una sola dose al giorno che non superi i 50 grammi. E per chi non riesce a farne a meno, c’e un trucco. Scegli una fetta con poca mollica e tostala nel forno, la tostatura rende il lievito quasi inoffensivo.

Brufoli anche a trent’ anni? Occhio al riso bianco

L’acne e causata da un’intolleranza al riso bianco, che fermenta piu facilmente.

riso.jpg

Come si interviene?
In questo caso l’alimento non viene eliminato completamente,ma sostituito con altri tipi di riso per due settimane. Se, pero, il paziente soffre anche di diarrea, niente riso integrale, che irrita ancora di piu il colon. Indicato il riso Venere, cioe il riso nero o dell’imperatore, ricco di acidi e vitamine e povero di sostanze zuccherine (e perfetto anche nelle diete), oppure il Basmati a chicco lungo, di origine indiana e pakistana.

Con la dermatite, niente piu patate (anche nello shampoo)

Se c’e una dermatite i primi sospetti sono: le patate, per via di alcuni additivi aggiunti durante la coltivazione, e l’olio d’oliva, per alcuni processi errati di lavorazione econservazione.

patate.jpg

Come si interviene?
Meglio eliminarli per diverso tempo, anche un mese e mezzo, e reinserirli gradualmente controllando con il medico che i sintomi non si ripresentino. Ci sono anche casi in cui, se la manifestazione degli effetti sulla pelle e grave, conviene sospenderli definitivamente o comunque limitarli drasticamente. Da sapere che anche molti detersivi, shampoo, balsami e detergentl per lenti a contatto contengono la fecola di patate. Anche questa puo creare irritazioni: cambia subitomarca!

Niente pasta e birra se sei celiaca

In Italia un individuo su 150 e celiaco. Non si tratta di un’allergia, ma di un’intolleranza permanente al glutine, causata da una alterazione dei meccanismi di difesa intestinali. Il glutine provoca infatti lesioni importanti ai villi intestinali, che permettono l’assorbimento dei cibi . Gli esami oggi a disposizione sono estremamente precisi: iniziano con il prelievo, utile per scoprire particolari anticorpi nel sangue (antiendomisio e antitransglutaminasi), e proseguono con la gastroscopia e la biopsia intestinale, che esamina un particolare pezzo dell’intestino, il duodeno. Per guarire bisogna eliminare il glutine, cosi i villi intestinali ricrescono e tutto torna normale.

birra.gif

Quindi i celiaci devono evitare frumento, ma anche segale e orzo che sono cereali simili. Alcuni alimenti sono facili da individuare, come pane, pasta, e derivati, ma vanno eliminati anche whisky o birra perche contengono orzo e tutta una serie di alimenti dove ci possono essere tracce di frumento, segale e orzo come gelati e salse liofilizzate dove la farina e presente come eccepiente e addensante.

Con problemi di diarrea, lascia perdere il latte

Una delle intolleranze alimentari piu diffuse e quella al latte, che ha come sintomo la diarrea. Tutti noi crescendo perdiamo parte della lattasi, che e l’enzima perdigerire il latte, e per questo con il tempo diventiamo sempre piu intolleranti.

latte.jpg

Come si interviene?
Eliminandolo completamente e sostituendolo con latte di soia o di riso, che sono piu idonei, oppure con latte di capra e di asina. A colazione, perdiamol’abitudine del cappuccino e prendiamo un te, una spremuta e della frutta, come pompelmo e arancia, oppure le gallette di riso con la marmellata senza zucchero e biscotti di farro. E se avete paura di rimanere senza calcio, importante per prevenire l’osteoporosi, pensate che un piatto di broccoli contiene molto piu calcio di un bel bicchierone di latte di mucca.

Digerisci male? Sbuccia pomodori e peperoni

La cattiva digestione e quasi sempre imputabile alle verdure come pomodoro, melanzana e peperone, o per meglio dire alla loro buccia, che l’organismo non riesce a digerire completamente.

pomodori.jpg

Come si interviene?
Sbucciate pomodori e peperoni per almeno una ventina di giorni, anche se si tratta di sughi, e procedete poi a un reinserimento graduale di questi alimenti.

Con la stipsi, via il frumento

A causare problemi di stipsi e quasi sempre il frumento, che e responsabile anche di gonfiori addominali e difficolta a digerire. Questo probabilmente per alcuni processi di cottura che negli anni hanno modificato la pianta e resa piu piccola (un tempo le coltivazioni di frumento erano molto piu alte).

frumento.jpg

Come si interviene?
Anche qui il consiglio e quello di imparare a utilizzare altri tipi di frumento, per esempio kamut, farro, mais, e reinserire il frumento con una frequenza di due volte a settimana.

Per curare le orticarie elimina il kiwi e la mela

Non sempre “una mela al giorno leva il medico di torno”. Infatti la mela, insieme ad altra frutta come fragole, ananas e kiwi, puo dare disturbi come l’orticaria, per una predisposizione dell’individuo o perche si e esagerato con la quantita.

mela.jpg

Come si interviene?
Eliminando la me la o le
fragole almeno per uno o due mesi e, come per il frumento, scegliendo altri tipi
di frutta.

 1,149 total views,  1 views today

Lascia un commento