Il Simbolismo dei Gemelli

2.gif

In tutte le mitologie i Gemelli hanno costituito un interessante fenomeno, sia nel caso fossero simmetrici sia che rappresentassero la dualità dell’uomo: le tenebre e la luce, la terra ed il cielo, il bianco ed il nero, la notte ed il giorno. Talvolta venivano raffigurati l’uno con la testa di toro e l’altro di scorpione. Hanno rappresentato le opposizioni interiori umane come sono stati simbolo di unità e dell’armonia dell’Uno. La mitologia greca evidenzia i Dioscuri, Castore e Polluce, divinità mediche; infatti il loro tempio di Bisanzio era un santuario per i malati, un vero centro di guarigioni. Allora era anche diffusa la credenza per cui la nascita di Gemelli presupponesse l’unione di un mortale con un dio. La Bibbia ricorda Esaù e Giacobbe, la cultura indù comprende gli Ashvin, padroni dell’aurora che, presso i germani erano gli Alkes. I latini infine basavano la fondazione di Roma sulla leggenda di Romolo e Remo. É il simbolo del doppio e della polarità umana. Il sole vi si trova tra il 21 maggio ed il 21 giugno. Appartiene all’elemento Aria. L’astrologia considera il nativo incapace di premeditazione, con un comportamento molto contraddittorio, quasi inconscio. E’ un irrequieto, talvolta superficiale ma anche capace di genialità, suscettibile, facile ad irritarsi e piuttosto presuntuoso, non serba rancore e sa adattarsi sia alle circostanze che alle persone.

Di solito quando è dominato da un’idea deve metterla in atto, sia in campo creativo che nell’azione vera e propria. Se desidera un oggetto lo compra subito, senza pensarci. Non premedita le proprie azioni, ed a volte agisce al di là delle convenzioni. I suo comportamento è fortemente contraddittorio, quasi inconscio; è in sostanza un irrequieto, a volte leggero e superficiale, altre volte geniale. La sua morale è molto particolare. E’ suscettibile, facile ad irritarsi, piuttosto presuntuoso. Difficilmente serba rancore, e sa adattarsi alle circostanze ed alle persone. Fra i suoi difetti vanno annoverate la presunzione e talvolta la dispersività, nonché la mancanza di costanza nell’applicazione. Fondamentalmente è libero, difficilmente si adatta ad una disciplina, ha bisogno di muoversi, di spostarsi, di darsi da fare. È un estroverso, con moltissimi interessi. Profondamente gentile, non dice mai di no, e con questo si guadagna una reputazione da possibilista, se non di ipocrita o di bugiardo. E’ portato ad agire in gran fretta, ed è incuriosito da tutto. Per farlo soffrire occorre tacergli o nascondergli qualcosa: la sua curiosità è tale da farne un dramma. Assimila con facilità, ma senza approfondire, e difficilmente si specializza in qualcosa. La necessità di cambiare è un fatto per lui istintivo, e grazie alla sua intuizione, come ad un senso psicologico innato, riesce a trarre vantaggio da ogni situazione, per cui è facile gli arrida il successo. E’ intelligente e veloce, piuttosto egoista, e possiede anche una logica stringente. Gli piace molto parlare, ed a volte è caustico e capace come pochi di distruggere con una parola. La sua superficialità si esprime talvolta nel sentimento e nell’esecuzione del proprio lavoro. I suoi principi etici sono poco profondi, e spesso è un indeciso, avendo una morale molto personalizzata. È portato al compromesso, che ben si addice alla doppiezza del segno dei Gemelli: ciò lo induce ad aggirare un ostacolo piuttosto che affrontarlo. Nei confronti del denaro manifesta un duplice atteggiamento, che oscilla fra la più sordida avarizia e la più splendida generosità. Durante l’infanzia è avido di sapere, curioso di tutto, ed usa la simpatia che emana per ottenere quanto vuole. È molto furbo, e non è facile scoprire le sue marachelle, ed educarlo ad una morale corretta. A scuola è abilissimo nelle contrattazioni, ed abbisogna di un insegnante capace di dirigerlo incuriosendolo, poiché non sopporta l’autorità. Promette molto mantenendo poco, ed è decisamente infedele in amore.

PRIMA DECADE:

La “regina degli uccelli”, che si eleva al di sopra di tutti gli altri e può fissare il sole, è sempre stata ritenuta emblema solare, di rigenerazione a autocoscienza. Non manca un risvolto meno favorevole che parla di rapacità, crudeltà, oppressione, eccessivo orgoglio. La somma gallo -aquila dà luogo ad un temperamento che non accetta imposizioni, che anela all’indipendenza, che vuole fare le proprie esperienze, sbagliare e ricominciare senza dover rendere conto a nessuno. La tendenza è a non legarsi in modo definitivo né ad un lavoro né ad una persona o ad una corrente. A secondo dei pianeti e degli aspetti personali, si avrà il soggetto superficiale, che accumula esperienze disparate, che non costituiscono bagaglio, che spreca la propria vita e i propri talenti che tende a sopravvalutare, o il soggetto intelligente, dinamico, carismatico, leader superimpegnato che nel proprio campo raggiunge alte vette. Il senso della famiglia, degli affetti è relativo in entrambi, ma con il secondo si soffre meno poiché permette un tenore di vita diverso, più vario e interessante.

SECONDA DECADE:

Il lupo è sempre stato considerato un simbolo di forza e di vittoria, in particolare quando lo si avvistava prima di una battaglia. Al negativo è indice di selvatichezza. Lupo e gallo insieme indicano una personalità combattiva, dotata di una forza segreta, intima, che porta al conseguimento dei traguardi prefissati. L’apparenza può essere molto gradevole, mondana, l’intimo è coriaceo. Il tornaconto personale non viene mai dimenticato, tutto è visto e usato in funzione del risultato che vuole ottenere. Il Gemelli appartenente a questa decade può raggiungere risultati che lo portano alla ribalta, sa farsi amare, ma sa anche farsi detestare, a sua volta cova lunghi rancori e si vendica. Negli affetti è molto passionale e finché brucia la fiamma è fedele.

TERZA DECADE:

Il gallo appartiene anche al Sole, inteso come Elio, e la somma dei due galli indica una personalità effervescente, caleidoscopica, che si esprime splendidamente in attività intellettuali o che portino a contatto con persone e ambienti disparati. Abilissimi nel tessere relazioni, questi Gemelli corrono il rischio di disperdere le proprie risorse in mille rivoli, in un gran lavorare senza riuscire a tirare i bandoli. Sono piacevolissimi, molto intelligenti, anche scaltri, ma la vanità, il cedere alle lusinghe, il seguire troppi interessi per volta possono essere dannosi al fine della riuscita. Sesso? Sesso, sesso…

1,117 Visite totali, 2 visite odierne





Lascia un commento