Il segno dell’Ariete e il Cibo

cibo

 

 

 

Il pianeta dominante dell’Ariete è Marte, dio della guerra, che gli dà grande forza ed energia.
L’elemento è il fuoco, che rappresenta il fuoco primigenio, la scintilla di vita. Il fuoco cardinale dell’Ariete, che si rinnova di continuo, a differenza del fuoco fisso del Leone, caratterizza un individuo che traduce immediatamente le sue emozioni in atti. L’immagine simbolica è un animale con le corna, simbolo di potenza e di fecondità. L’Ariete è, infatti, un segno virile, impulsivo e coraggioso, che, come l’animale che lo rappresenta, si avventa a testa bassa superando gli ostacoli che incontra sul suo cammino. Il Sole nell’Ariete entra alla fine dell’inverno, quando la natura si risveglia e ricomincia il suo ciclo: perciò l’Ariete è sempre attratto da qualcosa che inizia, dalle novità, dalle soluzioni inedite e dalle nuove imprese. Sente l’esigenza di muoversi, di agire, di organizzare; è sempre all’avanguardia
dia nelle idee e ha il temperamento del leader. Celebri capi Ariete come Lenin, Bismarck, Napoleone III testimoniano la caparbietà del segno nel tener testa agli avversari. Istintivo e dinamico, se incorre in gravi errori è soltanto perché, spinto dall’ansia di agire, non si ferma a riflettere.


La personalità
Il fascino di questo segno sta nella sua imprevedibilità, che sfocia in aggressività e debolezza nello stesso momento.
L’Ariete è un tipo energico, impulsivo e loquace, non conosce l’esitazione, ha una naturale propensione a prendere il controllo delle situazioni, a volte in modo fin troppo autoritario e aggressivo. Pieno di entusiasmo e di ottimismo, non sta mai fermo, ma non riesce ad applicarsi a lungo su una cosa, a meno che non sia qualcosa che lo appassiona. Non conosce il compromesso, le sfumature, le mezze misure, il conformismo, l’adattamento forzato. Come ogni segno di Fuoco, è un passionale a cui la razionalità è praticamente sconosciuta: tutte le sue scelte sono soprattutto il risultato di reazioni istintive e di intuizioni. Come un guerriero si butta contro gli ostacoli senza calcolarne prima la reale entità, sempre con lo stesso immutato entusiasmo che lo spinge a sfondare i muri che gli si parano davanti. Quando va incontro a una sconfitta, viene colto da momenti di profondo sconforto, ma sono momenti tanto intensi quanto brevi, perché è psicologica mente molto forte e non conosce problematiche profonde. Inoltre è un segno di cui si può dire davvero “è ciò che si vede”: a sua trasparenza, la sua mancanza di calcolo fanno sì che manifesti sempre in superficie, nel bene e nel male, quello Che succede nel suo intimo, senza mediazioni finzioni. Così come le crisi, anche le sue col- ere sono forti e violente, ma brevi, e di norma non conoscono mai il rancore e la vendetta (molto più tipiche, per esempio, del segno dello Scorpione).
Possiamo paragonare l’allegra irruenza dell’Ariete ad un temporale estivo che si abbatte su un tranquillo paesaggio. In compagnia si distingue per la simpatia, per la capacità innata di coinvolgere gli altri in esperienze nuove; è talvolta invadente a causa della sua espansività, che può renderlo agli occhi altrui privo di tatto e sensibilità. Impulsivo e nervoso, tende alle azioni brusche e improvvise, ma soprattutto è sempre convinto della bontà delle sue iniziative. E impossibile fargli cambiare idea, a meno che non si convinca personalmente del suo errore.
Nell’amore e nel sesso è impulsivo e tenace. A volte si esprime in modo brusco e violento, vive e passioni amorose con trasporto ma non è un modello di fedeltà. Il fascino di questo segno sta nella sua imprevedibilità, che sfocia in aggressività e adorabile debolezza nello stesso momento. E soggetto ai colpi di fulmine e, quando si invaghisce di qualcuno, mira diritto alla conquista; ma se la persona che gli interessa indugia in giochi o compromessi, abbandona l’impresa. Anche nel rapporto di coppia è combattivo, sia col partner sia contro eventuali rivali. Una volta vinto l’avversario ritorna in pista e si prepara a combattere contro qualcun altro. Casanova, nato sotto il segno dell’Ariete, è un esempio emblematico della facilità con cui gli arietini si fanno prendere dalle infatuazioni, si impegnano con tutti i mezzi nella conquista e, una volta ottenuta la vittoria, tendono a passare a nuove esperienze. Pur amando la semplicità, l’Ariete ha spesso una casa sovraffollata di mobili, in cui non manca mai nulla. Dalla cucina super attrezzata alla sala con l’impianto video, dalla collezione dei suoi film preferiti al balcone pieno di piante. Tutto ciò crea un’atmosfera di simpatico disordine, che rispecchia il suo carattere vitale e pieno di interessi.
La salute
Gli Arieti sono generalmente dotati di grande energia, ma talvolta proprio i loro entusiasmi ed eccessi possono essere la causa di disturbi alla salute. Soffrono spesso di insonnia da accumulo di stress; tendono ad essere iperattivi, bruciano rapidamente le calorie, ma con a stessa rapidità le reintegrano ingoiando frettolosamente il cibo.
li segno governa la testa e tutto ciò che riguarda la vitalità come il cuore, i muscoli, il sangue. Gli organi genitali maschili rientrano tra questi in quanto appartengono a Marte, dominatore del segno. Sono soggetti a raffreddori, sinusite, febbroni da cavallo che per lo più, come le influenze stagionali, sono a decorso rapido. Per prevenire i forti mal di testa di cui spesso soffrono hanno bisogno di alimentarsi con molte verdure, cereali, frutta fresca, riuscendo a contenere solo così i problemi portati da troppi zuccheri assunti. Sono infatti molto golosi di dolci.
I nativi di questo segno necessitano di cibi ricchi di fosforo, magnesio, vitamine D e C. La vitamina D o calciferolo ha un metabolismo complesso, e subordinato al metabolismo del calcio, del fosforo e del fluoro: l’organismo la produce attraverso l’esposizione al sole. Indicata per la salute delle ossa e dei nervi, per la regolazione del battito cardiaco, è utile anche per prevenire l’osteoporosi. Non va somministrata in caso di calcoli renali e qualora vi sia un eccesso di calcio nel sangue o nelle urine e nei casi di ipertensione.
Gli alimenti che la contengono sono il germe di grano, l’olio di fegato di merluzzo, il rosso d’uovo, il latte, il salmone, il tonno.
sale di cui gli Arieti hanno bisogno è il fosfato di potassio, un costituente delle cellule cerebrali e dei nervi. La carenza di questo sale produce stati di ansia, insonnia, disturbi nervosi, irritazioni delle pelle, appetito vorace, stipsi. Il fosfato di potassio si trova nel cavolfiore, nel sedano, nelle cipolle, nei datteri, nei limoni, nelle mele, nelle noci, nelle patate, nelle barbabietole, nel radicchio, nelle lenticchie e nei fagioli.
La loro alimentazione deve essere molto variata e non devono mancare latte, cereali integrali, carne e pesce, uova, formaggi, riso, pasta, verdure, agrumi, kiwi. Il cereale legato a Marte, pianeta dominante del segno, è l’orzo, ricco di vitamine del gruppo B, di silicio e di zuccheri, che danno energia al cervello e influiscono sul sistema muscolare.

 

 

Pennette i peperoni
Ingredienti per quattro persone
300 gr di penne
2 peperoni gialli
2 peperoni rossi
2 scalogni
400 gr di pomodori
olio
sale e pepe
20gr di burro
Abbrustolire i peperoni, spellarli, tagliarli a listarelle e farli rosolare in una padella con qualche cucchiaiata di olio il burro e gli scalogni tagliati sottili. Unire i pomodori ridotti in polpa, salare e pepare e cuocere per circa 30 minuti. Cucinare la pasta e condire.

Pennette i peperoni
 

 

 

 

 

Orzo con tonno e zucchine
Ingredienti per 4 persone
200 gr di orzo perlato
200 gr di tonno sott’olio
200 gr di pisellini
2 zucchine
2 carote
2 scalogni
un mazzetto di prezzemolo
olio extravergine di oliva
sale e pepe
In una pentola far imbiondire in un filo d’olio lo scalogno tritato. Unire l’orzo dopo averlo sciacquato sotto l’acqua corrente, salare e pepare; aggiungere mezzo litro di acqua, portare a ebollizione e lasciar cuocere a fiamma bassa per 40 minuti. Unire poi le carote affettate e, dopo 10 minuti, i piselli. Infine aggiungere le zucchine a tocchetti e lasciar cuocere altri 10 minuti. Togliere la zuppa dal fuoco, aggiungere il tonno e il prezzemolo e servire. Può essere consumata anche fredda.

Orzo con tonno e zucchine

 

 

 

 

 

 

 

 

Arancini Siciliani
Ingredienti per quattro persone
2 uova
I cipolla
500 gr di riso
200 gr di carne tritata
100 gr di parmigiano grattugiato
I noce di burro
pane grattugiato
farina
lidi brodo
una foglia di salvia
olio, sale
In una padella fare appassire in una noce di burro una piccola cipolla tritata con una foglia di salvia. Aggiungere la carne, il sale e cuocere a fuoco lento per 15 minuti. Intanto lessare il riso in un litro di brodo salato, fino all’assorbimento del liquido. In una terrina mescolare il riso con il formaggio e le uova e lasciarlo intiepidire. Disporre un cucchiaio di riso sul palmo della mano, formando una piccola conca al centro e mettere un po’ di sugo di carne. Coprire con un’altra cucchiaiata di riso, premendo bene tra i palmi, fino a quando l’impasto prende la forma una piccola arancia. Passare gli arancini prima nella farina poi nell’uovo battuto salato e alla fine nel pane grattugiato. Friggere in abbondante olio bollente. Disporre gli arancini su carta assorbente per qualche minuto e servire caldissimi.

Arancini Siciliani
Falso Magro
Ingredienti per quattro persone
400 gr di carne di vitellone (un ‘unica fetta)
100 gr di prosciutto cotto
100 gr di salsiccia
100 gr di caciocavallo fresco
1 cipolla
2 fettine di pancetta
2 uova
2 spicchi d’aglio
1 bicchiere di vino rosso
un mazzetto di prezzemolo
salsa di pomodoro
olio extra vergine d’olivo
sale e pepe
Preparare il ripieno tagliando a pezzetti il prosciutto, la salsiccia, la pancetta, il caciocavallo, il prezzemolo e l’aglio. Unire all’impasto le uova e amalgamare tutto con le mani. Sistemare l’impasto sulla carne, arrotolarla e legarla con lo spago. Nel frattempo far imbiondire la cipolla tritata in un tegame con olio. Non appena sarà dorata, aggiungere la carne soffriggendola da tutti i lati. Bagnare la carne con il bicchiere di vino, facendo attenzione a farla rosolare bene. Versare la salsa di pomodoro e cuocere tutto per circa due ore a fuoco molto basso, a tegame coperto. A cottura ultimata, fare raffreddare la carne e tagliarla a fette. Sistemarla su un piatto di portata e coprirla con la salsa di cottura.

Falso Magro
Spiedini di lattuga aromatici
Ingredienti per 4 persone
100 gr di petto di pollo tritato
100 gr di salsiccia
50 gr di parmigiano
un uovo
8 foglie di lattuga
un cucchiaino di semi di finocchio
un pizzico di timo e maggiorana tritati
4 pomodorini
sale, olioù
Amalgamare la carne, la salsiccia, il parmigiano, i semi di finocchio, il timo e la maggiorana tritati, l’uovo e ricavarne tante polpette. Avvolgere ciascuna polpetta in una foglia di lattuga sbollentata in acqua salata. Chiudere gli involtini con lo spago e infilzarli su spiedini di legno alternandoli con i pomodorini tagliati a metà. Cuocere gli spiedini sulla griglia spennellata di olio.
 

Torta di nocciole con zabaione al Barbaresco
Ingredienti
Per la torta
150 gr di burro
250 gr di farina bianca
3 uova
200 gr di zucchero
100 gr di nocciole tostate
1 cucchiaio o una bustina di lievito
Per lo zabaione
6 tuorli d’uovo
6 cucchiai rasi di zucchero
150 cc di vino Barbaresco
Sbattere bene un cucchiaio di lievito con 3 uova (gli albumi a neve), aggiungere 150 gr di burro, 250 gr di farina, 200 gr di zucchero e 100 gr di nocciole tostate e tritate. Versare il composto in una teglia imburrata e infornare. Sbattete bene 6 tuorli d’uovo con 6 cucchiai di zucchero per mezzo di una frusta. Aggiungete 6 cucchiai di Barbaresco e mettete sul fuoco a bagnomaria. L’uovo diventa spumoso, poi monta come una nuvola leggera. Togliete subito dal fuoco prima che si rapprenda. Servire la torta accompagnata con la salsa di zabaione calda.

Torta di nocciole con zabaione al Barbaresco

1,523 Visite totali, 1 visite odierne





Lascia un commento