I Miti della Luna Nera

13.gif

Come sappiamo, la Luna nera non e un astro ma un punto fittizio. Cio che indica nello zodiaco del tema natale e cosi originale, rientra cosi poco nell’ordine delle cose costituite, identificabili, alle quali siamo disposti a credere al giorno d’oggi, che gli astrologi hanno finito per occultarlo, per relegare le informazioni che essa rivela. Gli interrogativi che solleva, ai confini di un’astrologia desueta e polverosa che non poggia su alcun serio fondamento.

Paradossalmente, e l’infatuazione per la psicologia da parte di coloro che qualunque fosse il momento l’epoca. il luogo, il tipo di approccio, si sono sempre interrogati su se stessi e hanno sentito il bisogno di conoscersi meglio e di capire gli altri – ad aver riportato in auge i principi enunciati dalla Luna nera.

COSA CI DICE LA LUNA NERA?E impossibile riferirsi ai miti e ai vari volti che la Luna nera ha assunto nel mondo, nei tempi piu remoti della storia dell’umanita senza, preventivamente, immergersi nel suo universo, farsi penetrare dai messaggi che trasmette, da ciò che rappresenta e ci dice ancora oggi. La Luna nera e infatti un concetto ancora d’attualità , che non ha perso interesse nel corso dei secoli e dei millenni, che e vivo in ciascuno di noi ma che opera a nostra insaputa, visto che siamo spesso piu vittime che consapevoli di chi siamo e di come siamo fatti,pensiamo,agiamo,viviamo.Per capirlo dobbiamo accettare il fatto che, in ognuno di noi, vive una zona d’ombra, una zona buia, oscura, impenetrabile – da cui il suo aggettivo di nera – carica di qualita femminili di ricettivita, di funzione creativa, di potenza caotica rigenerante – da cui il suo nome di Luna.Questa zona d’ombra e indomabile. Non la si può ne addomesticare ne sottomettere. In compenso. Si puo ignorarla. ricacciarla, inibirla ma in questo modo non la si farebbe sparire dal momento che, piu la si ignora, intenzionalmente o inconsciamente, piu i suoi effetti sono temibili e potenti.Questa zona d’ombra. che e presente in ciascuno di noi. Ci induce a non accettare mai l’inaccettabile, a non fare compromessi o concessioni su alcuni punti essenziali della nostra vita. Posiamo dunque affermare che essa mette in luce il fatto che, da qualche pane dentro di noi, una forza ci costringe a non cedere mai, a non rassegnarci, a non lasciarci andare, a evitare il ristagno.Essa si esprime cosi nella nostra vita con formule di scongiuro che possono manifestarsi nel corso di incidenti, di drammi passionali, di accessi di follia, di malattie gravi, tutte cose che ci fanno perdere l’orientamento,per cosi dire, e a volte anche la ragione, o che ci fanno uscire dalla normalità , come per richiamarci all’ordine.

imgeg5.jpg

La Rappresentazione di Lilith,dea sumera,fa immediatamente pensare a un immagine del diavolo al femminile,come leggende bibliche.

Infatti, il sottile messaggio che ci trasmette la Luna nera e che nessuno deve ignorare chi è e come è, di che cosa e fatto, che cosa sono tutti i suoi pensieri e tutte le sue azioni, e non deve accontentarsi di vedere in se stesso quel che vuole o che gli pare, ciò che lo rassicura e lo conforta. La Luna nera fa cadere le proibizioni e le maschere, denuncia i pregiudizi, i luoghi comuni, i preconcetti, disturba, provoca, sacrifica.

LILITH,MITO UNIVERSALE DELLA LUNA NERA

La Luna nera è Lilith. Lilith fu inizialmente una dea sumerica, senz’altro anteriore a Sin-Nanna, la Luna. che abbiamo visto essere, come spesso accadeva nell’antichita, una divinita maschile, non femminile, contrariamente agli attributi della Luna attuale.Lilith e invece, senz’ombra di dubbio, una dea, e le sue qualita sono tanto lunari quanto venusiane, e per certi versi anche leggermente uraniane e plutoniane. E dunque un mito assai complesso e che sfugge alle classificazioni.Stando alle leggende bibliche che le si ricollegano – come ben sappiamo, infatti, i redattori della Bibbia si sono molto ispirati ai miti mesopotamici ­ Lilith sarebbe una specie di Satana al femminile, ovvero una divinita decaduta che avrebbe osato non solo sfidare Dio, ma anche penetrare il senso divino e sacro dei misteri del suo nome arrogandosene cosi il potere e regnando al suo cospetto dopo essersi impossessata delle sue ali.Nella civilta sumera veniva rappresentata con due civette al fianco, nuda, con piedi di lucertola posati su due leoni sdraiati, una corona lunare sui capo e due lunghe ali che, partendo dalle spalle, si andavano a riunire sui dorso. Nelle mani, levate davanti a se, sorreggeva un simbolo: quello di Ishtar­ Inanna – Afrodite­ Venere.I cabalisti del Medioevo si sono naturalmente ispirati a questa immagine quando hanno creato i 22 arcani maggiori dei Tarocchi, e in special modo l’arcano del Diavolo.

I MOLTEPLICI VOLTI DI LILITH

A seconda del segno dello zodiaco in cui si viene a trovare, la Luna nera suggerisce caratteristiche proprie di una o piu figure mitiche femminili che le corrispondono perfettamente. Sarebbe troppo lungo in questa sede enumerare le qualita di ognuna di esse, dunque ci accontenteremo di proporvi un elenco di queste mitiche dee stilato in base alloro ordine di apparizione dello zodiaco.

imgeg6.jpg

IN ARIETE Lilith assume le sembianze di una dea guerriera, quale Atena, o di una Valchiria, il cui nome significa “colei che sceglie i morti”; essa decideva così le sorti dei guerrieri sui campo di battaglia, secondo la mitologia germanico-scandinava.

IN TORO E Inanna-Ishtar o Afrodite-Venere, ma anche Gaia, la Terra.

IN GEMELLI E Psiche, e forse anche Iside, la grande dea egizia.

IN CANCRO E la ninfa Calipso o la maga Circe, ma anche la Bella addormentata nel bosco, oppure la fata.

IN LEONE E Cibele, la Madre degli dei o la Grande Madre, come fu soprannominata in Asia minore e a Roma, la quale veniva simboleggiata con una pietra nera.

IN VERGINE E Demetra-Cerere o Antigone.

IN BILANCIA E Persefone-Proserpina, figlia di Demetra e sposa di Ade-Plutone, o Sofia, la Saggezza.

IN SCORPIONE E Artemide, sorella d’Apollo, o Ecate, o Lachesi, una delle tre Moire, quella che dispensava i destini e stabiliva la durata della vita.

IN SAGITTARIO E Diana la cacciatrice o Ippolita, la regina delle Arnazzoni.

IN CAPRICORNO E Era, la figlia di Crono-Saturno.

IN ACQUARIOE Teia, figlia di Urano, la quale ebbe, dall’unione con Iperione, 2 figli: Elios il Sole e Selene la Luna.

IN PESCI E una delle Sirene, oppure Teti, una delle Nereidi.

 2,201 total views,  1 views today

Lascia un commento