Combattere i Funghi da Candida

donna

 

 

 

 

Le infezioni da funghi, chiamate micosi, sono molto comuni ed interessano soprattutto la pelle, i peli, le unghie e le mucose cioè le superfici interne di alcuni organi, come la bocca o la vagina.

Intestino

L’agente patogeno che provoca le micosi intestinali è in genere la tristemente famosa candida albicans.Si tratta di un lievito che scompone i carboidrati dell’alimentazione in biossido di carbonio ed alcol di scarsa qualità . La conseguenza è che si ha una pancia gonfia e si soffre di sensazione di pesantezza, stipsi o diarrea.

Con il perdurare dell’infezione possono aggiungersi altri sintomi, esempio alitosi, cali d’umore, dolori muscolari ed articolari, attacchi di appetito soprattutto per i cibi dolci, sovrappeso, raffreddamento, pelle secca ed impura, perfino infiammazioni dell’orecchio.Sono però poche le persone che sono colpite o rischiano di sviluppare una micosi intestinale. Chi corre davvero il pericolo di uno squilibrio della colonia fungina sono coloro che fanno uso frequente di antibiotici, non controllano bene il diabete o per altri che hanno una disfunzione del sistema immunitario. In caso di sospetto, il medico prescriverà  un esame delle feci. Se viene confermata questa diagnosi, si prescriverà  un farmaco antibiotico anti micotico sotto forma di compressa (solitamente con il principio attivo della nistatina), che distrugge i funghi intestinali curando invece i batteri utili dell’intestino. La miglior prevenzione è naturalmente l’alimentazione, i principali avversari di questi germi patogeni sono invece i prodotti integrali e le verdure.

Pelle e piedi

Il pH acido della pelle impedisce ai funghi di moltiplicarsi o di infiltrarsi attraverso la pelle nell’organismo. Se questa difesa naturale viene distrutta o danneggiata, i funghi possono riuscire a trovare un punto debole. La pelle, allora, si arrossa e si irrita, tende a squamarsi, prude e si possono produrre delle vesciche e delle screpolature anche dolorose. Spesso vengono interessate anche le unghie; se a essere interessato è il cuoio capelluto, possono perfino cadere i capelli. Ci si può contagiare facilmente, ad esempio in piscina, nella sauna o in un negozio di scarpe. Una micosi della pelle o del piede va curata nel modo giusto e subito, altrimenti può succedere che, da un lato, con il tempo si sviluppi un’infezione batterica più seria, e dall’altro che il fungo stesso si possa diffondere in tutto il corpo. Il medico solitamente prescrive una pomata a base di clotrimazolo o terbinafin.

Zone intime

Le micosi (di solito candida albicans) della zona genitale tendono a dare prurito, ad andare in suppurazione e a produrre perdite maleodoranti. Le cause sono un igiene eccessiva (bisogna lavarsi con detergenti specifici per l’igiene intima e non con il sapone), dei cambiamenti ormonali, l’acqua contenente cloro ed i costumi da bagno umidi. Il fungo viene trattato con il principio attivo del clotrimazolo, che esiste in farmacia sotto forma di pomata (anche in combinazione con ovuli).l sintomi tendono quindi a scomparire.

Automedicazione si o no?

La maggior parte delle donne prima o poi fa l’esperienza di micosi vaginali e perciò conosce esattamente i sintomi. Se non è in gravidanza, se i sintomi sono noti e l’infezione non compare più spesso di quattro volte all’anno, la donna può curare questa infezione tranquillamente da sola purchè conosca bene il proprio corpo e sappia valutare correttamente i sintomi.

6 consigli importanti

Non lasciate delle zone del corpo umide, ma asciugate bene i piedi (soprattutto fra le dita), le ascelle, le parti intime dopo il bagno o la doccia. In caso di infezione acuta, cambiate la biancheria ogni giorno e se possibile lavatela a 90 gradi. Per evitare il rischio di contagio, indossate sempre delle ciabatte in albergo, negli spogliatoi delle palestre e in piscina. Chi soffre di fungo dei piedi, anche a casa propria non dovrebbe camminare scalzo. Non grattatevi le parti interessate per evitare di diffondere con le mani i funghi. Non interrompete la cura fino a quando non siete guariti completamente. Includete nell’alimentazione quotidiana prodotti integrali, verdura e frutta fresca, evitate lo zucchero (anche il fruttosio).

1,150 Visite totali, 2 visite odierne

Un Raggio di Luna postato in Articoli Lunari. Bookmark the permalink. Da Cassandra domenica 4 gennaio, 2009 1.074 views




Lascia un commento