Casina mia

Cosa e chi sono i Vampiri Energetici

13.gif

Pochi sospetterebbero che un sintomo assai frequente tra le vittime di aggressioni vampiriche è lo sbadiglio. O meglio, una serie di sbadigli. Con lo sbadiglio, infatti, come ci insegnano le tradizioni popolari sulla magia, si tenta di recuperare l’energia perduta. Tuttavia parliamo solo di un sintomo principale,ma possono seguirne molti altri quali la cattiva digestione, la noia, la stanchezza, il sonno.. Un aggressione vampirica,con furto di energia vitale, lascia sempre pesanti tracce nella vittima, anche se quest’ultima, ignara dell’esistenza stessa del meccanismo, non le rileva, oppure le attribuisce a malesseri e ad eventi inerenti quali nervosismo, la tendenza alla malinconia, un improvviso blocco mentale, una debolezza personale, un difetto del carattere.La mancanza di analizzare certi stati d’animo crea una tendenza a sfuggire al loro approfondimento, considerando con sufficienza, spesso con disprezzo, i segnali interiori che potrebbero indicarci la strada giusta.Il Vampiro, infatti, rispetto a noi, ha un vantaggio fondamentale: che lui le paranoie se le fa e come, nel senso che non trascura alcun particolare per ottenere ciò che gli interessa. Tutta la sua attenzione, come l’attenzione di una belva predatrice, è volta ad analizzare le debolezze dell’avversario, i punti di cedimento, i tempi giusti dell’attacco, il dosaggio delle energie da succhiare affinchè la vittima non si metta troppo sulla difensiva. Continua a Leggere

744 Visite totali, nessuna visita odierna

Casina mia

Cosa sono i Vampiri Energetici?

Pochi sospetterebbero che un sintomo assai frequente tra le vittime di aggressioni vampiriche è lo sbadiglio. O meglio, una serie di sbadigli. Con lo sbadiglio, infatti, come ci insegnano le tradizioni popolari sulla magia, si tenta di recuperare l’energia perduta. Tuttavia parliamo solo di un sintomo principale,ma possono seguirne molti altri quali la cattiva digestione, la noia, la stanchezza, il sonno.. Un aggressione vampirica,con furto di energia vitale, lascia sempre pesanti tracce nella vittima, anche se quest’ultima, ignara dell’esistenza stessa del meccanismo, non le rileva, oppure le attribuisce a malesseri e ad eventi inerenti quali nervosismo, la tendenza alla malinconia, un improvviso blocco mentale, una debolezza personale, un difetto del carattere.La mancanza di analizzare certi stati d’animo crea una tendenza a sfuggire al loro approfondimento, considerando con sufficienza, spesso con disprezzo, i segnali interiori che potrebbero indicarci la strada giusta.Il Vampiro, infatti, rispetto a noi, ha un vantaggio fondamentale: che lui le paranoie se le fa e come, nel senso che non trascura alcun particolare per ottenere ciò che gli interessa. Tutta la sua attenzione, come l’attenzione di una belva predatrice, è volta ad analizzare le debolezze dell’avversario, i punti di cedimento, i tempi giusti dell’attacco, il dosaggio delle energie da succhiare affinchè la vittima non si metta troppo sulla difensiva. Continua a Leggere

761 Visite totali, nessuna visita odierna