Roma brucia: cui prodest?

 

 

 

 

Un rogo immane avvolge Roma del luglio del 64 dopo Cristo. Per sette giorni le fiamme divampano sulla città, trasformata n un enorme braciere. Della catastrofe viene accusato lo stesso imperatore Nerone che a sua volta ;carica la colpa sui cristiani scatenando una terribile persecuzione. Chi ha veramente appiccato il fuoco? E perché?
Ha ucciso la madre Agrippina, la prima moglie, Ottavia, la seconda moglie Poppea e il fratellastro Britannico. Questo, tanto per restare in famiglia. Gli altri delitti non si contano. «Uccideva senza motivo o misura, a capriccio, non importa chi, non importa perché», scrive Svetonio. Questo il ritratto di Nerone, così come abbiamo imparato a conoscerlo fin dai banchi di scuola. Letteratura e cinema hanno caricato la dose: basterà ricordare Quo Vadis?, scritto da Henryk Sienkiewicz nel 1896 e dal quale sono tate tratte ben cinque edizioni cinematografiche (l’ultima è del 951 con un grande Peter Ustinov nei panni dell’imperatore paranoico). Nerone despota assoluto, mostro assetato di sangue, ma soprattutto il pazzo che ha incendiato Roma dandone poi la colpa ai cristiani e prendendo spunto da questa falsa accusa per perseguitarli facendoli sbranare dalle belve nel circo, bruciandoli rivi e sottoponendoli a ogni altro genere di tortura. l’immagine di Nerone cinto d’alloro, che declama liriche accompagnandosi con la cetra, mentre sotto di lui Roma arde è tipica dell’iconografia popolare, ripresa da scrittori, commediografi, registi e comici di tutte le epoche fino ai nostri giorni. Non un’immagine di fantasia, è ancora Svetonio che lo racconta. Non sono pochi, tuttavia, gli storici moderni che avanzano qualche dubbio su Nerone folle tiranno, incestuoso, omicida, incendiario. Tra gli antichi, già Tacito si limita a riportare i fatti e a riferire le voci senza esprimere un giudizio di aperta condanna. Quindi Nerone sovrano ‘assolutamente assoluto’ ma non il malvagio per eccellenza, uno stravagante, un artista dall’equilibrio non del tutto stabile ma non folle a tal punto da incendiare la Capitale dell’impero solo per avere l’occasione di declamare in una scenografia irripetibile il poema da lui scritto sulla guerra di Troia. Allora, chi ha bruciato Roma?

nerone-1

Nerone canta accompagnandosi con la cetra mentre Roma brucia ai suoi piedi. E una delle immagini più famose della storia ma anche con molta probabilità,una delle più false. Così come sono inattendibili molte altre accuse che fanno riferimento alla follia dell’imperatore

Continua a Leggere

827 Visite totali, nessuna visita odierna

Come la luna influenza il nostro sonno (Scritto da www.casinamia.com)

 

Normalmente quando alla mattina ci si alza dal letto stanchi morti,perché si ritiene di aver dormito malissimo,si dà la colpa a quello che si è mangiato la sera prima, alle mille preoccupazioni che ci assillano, al caffè bevuto dopo cena, o ai figli che hanno faticato ad addormentarsi o si sono ripetutamente svegliati nel cuore della notte. Sono tutte spiegazioni assolutamente plausibili, ma sappiate che in realtà la causa di un sonno disturbato potrebbe essere attribuibile alla Luna e non si tratterebbe della solita diceria:oramai in merito sono stati pubblicati autorevoli studi scientifici che dimostrano l’influenza delle fasi lunari sul nostro ciclo del sonno.

fasi-lunari

Vediamo dunque di capire in che modo la luna agisca, il come edil perché di questo strano fenomeno.

 

L’uomo è la luna

È risaputo che la luna ed il suo ciclo esercitano una forte influenza su diversi fenomeni della natura ed anche sulla vita stessa dell’uomo. A tutti è noto il fenomeno della maree; il fatto che i contadini per la semina, la concimazione, la potatura ed il raccolto delle varie colture si basino sulle fasi lunari e le donne incinta sanno bene che quando la luna è piena e si avvicina il momento del parto c’è maggior probabilità che il bimbo decida di nascere. Peraltro anche i nostri liquidi organici subiscono un’influenza simile a quella dei mari, tanto è vero che generalmente nei periodi di luna piena si registra una certa tendenza ad ingrassare, pertanto converrebbe limitate l’assunzione di grassi e bere di più, mentre nelle fasi di luna calante ci si può concedere qualche sfizio in più!

 bimbo-che-dorme-beato

 

Con la luna piena si dorme peggio

Un gruppo di ricercatori svizzeri, coordinati da Christian Cajochen, biologo dell’università di Basilea, ha condotto uno studio durato ben tre anni, lungo l’arco di tutte le stagioni, monitorando il sonno di 33 soggetti volontari (16 maschi e 17 femmine, con un’età compresa tra i 20 e i 74 anni), dimostrando che di fatto nelle notti di luna piena la qualità del sonno peggiora in maniera evidente.

Durante le notti di plenilunio la tendenza è quella di dormire, mediamente, 20 minuti meno.Lo studio ha evidenziato che, in questi particolari momenti, il sonno dei soggetti coinvolti nell’esperimento diminuiva, necessitavano in media di 5 minuti in più per addormentarsi, l’attività cerebrale durante le fasi di sonno profondo calava del 30 per cento ed i livelli di melatonina (noto ormone che regola i cicli di sonno e veglia) si abbassavano.

In poche parole è come se gli esseri umani fossero dotati di un “orologio circalunare” biologico ed il loro ciclo del sonno venisse in qualche misura scandito dalle fasi lunari.

la-luna

 

Ancora in dubbio le motivazioni

Lerealimotivazioni di questo influsso non sono ancora spiegabili. Si è ipotizzato che possa trattarsi di un retaggio molto antico, in quanto i comportamenti dei nostri antenati preistorici o delle antiche civiltà erano sovente regolati dalla luna. Si pensi, ad esempio al fatto che il maggior chiarore del cielo, nelle notti di luna piena, esponeva le persone ad un maggior pericolo, poiché era più semplice venir attaccati da predatori (sia animali che umani).

Nello studio condotto però i soggetti analizzati innanzitutto non erano consapevoli del fatto che si stesse indagando anche circa l’influenza delle fasi lunari (parametro intervenuto solo in un secondo momento) e peraltro sono stati fatti dormire in stanze prive di finestre, dunque è da escludere sia che possano essersi suggestionati, sia che in qualche modo abbiano potuto risentire della maggiore o luminosità percepita durante le notti di luna piena.

sonno-tra-le-stelle

Insomma, la prossima volta che vi capita di dormire male provate a controllare, anche solo per curiosità, se di fatto era un giorno di luna piena!

Articolo scritto da: www.casinamia.com

389,296 Visite totali, 304 visite odierne

Il rito degli affari

2.gif

 

Girovagando su internet,sono incappata in questo semplice rituale,adatto più che altro a chi è in cerca di lavoro.

Personalmente,provandolo,posso ammettere io stessa,che ha dato i suoi frutti.

Riporto qua,la modalità,sperando che porti bene a chiunque provi a farlo.

Continua a Leggere

2,350 Visite totali, nessuna visita odierna

La cometa di Natale

40.gif

 

Non sarebbe Natale senza una cometa e in effetti il mese di Dicembre da’ appuntamento alla cometa Catalina. Molti astronomi e appassionati si stanno preparando al passaggio della cometa C/2013 denominata appunto Catalina, che secondo le proiezioni della NASA avrà un diametro di circa 20km e che probabilmente in condizioni ottimali sarà persino visibile ad occhio nudo ( sicuramente meglio con un binocolo ). Il nome di questo cometa ha origine dal Catalina Sky Survey, che scoprì questo corpo celeste la mattina di Halloween del 2013 dall’astronomo Richard Kowalsky. Questo corpo celeste viene dalla lontana Nube di Oort, nota e fredda regione attorno al Sistema Solare, da cui provengono molte comete di lunga orbita, attratte dalla gravità della nostra stella.

Nei primi giorni di Dicembre la cometa sarà visibile vicina a Venere, moderatamente vicina anche a Marte, sempre nelle ore che precedono l’alba. Per la NASA ci sono buone probabilità di riuscire a scorgere la cometa anche ad occhio nudo in condizioni ottimali ( aria dunque anche secca oltre che cielo sereno ). Per il primo Gennaio Catalina dovrebbe raggiungere la grande stella Arturo.

la-cometa-catalina-3bmeteo-68680

Tratto da : 3bmeteo.com

606 Visite totali, nessuna visita odierna

Marilyn Monroe : Quando cade una stella PARTE 2

 

 

 

La bella e il campione
Secondo la tesi più accreditata Marilyn era all’oscuro di tutto; obbedendo ancora una volta al suo cliché di ‘oca giuliva’, sottoscrisse quanto i suoi agenti avevano preparato: un contratto come un altro. Altri invece, come il regista Joshua Logan, sostengono che l’attrice sapeva benissimo cosa stava facendo e si rendeva perfettamente conto che un matrimonio del genere le sarebbe stato ‘utile’. Comunque
siano andate le cose la ‘bomba sexy’ e il ‘dio degli stadi di baseball’ si incontrano sul set di Gli uomini preferiscono le bionde. Fu la rivista Confidential a dare per prima la notizia pubblicando in esclusiva la foto dei due ‘fidanzati’ teneramente abbracciati e suscitando in tutta l’America l’ondata di emozione prevista a tavolino dagli agenti pubblicitari.

Marilyn Monroe   (21)

Una foto da ‘pin-up’. A sedici anni le sue misure erano: 96 di seno, 71 di vita e 95 di fiinchi. Si ossigenava i capelli e portava solo abiti attillati.

Continua a Leggere

2,417 Visite totali, nessuna visita odierna

Marilyn Monroe : Quando cade una stella PARTE 1

 

 

 

 

La diva più amata e famosa del mondo morta in circostanze misteriose. Suicidio o avvelenamento accidentale da barbiturici, dice la polizia. Ma c’è chi parla di omicidio…
Un corpo nudo, composto, abbandonato a faccia in giù sul letto, una bottiglietta di sonnifero vuota sul comodino, molti altri flaconi di sedativi vari sparsi un po’ per tutta la casa, nessun segno di violenza apparente, nessun messaggio. Un cadavere come tanti altri, una donna che come tante altre ha posto fine ai suoi giorni ricorrendo a una dose eccessiva di barbiturici e come tante altre si è decisa al gran passo nella notte tra il sabato e la domenica; le statistiche americane informano che il week-end sembra un momento particolarmente propizio alle morti sospette o comunque non dovute a cause naturali. Così i poliziotti di guardia nel distretto ovest di Los Angeles tra la sera di sabato 4 agosto 1962 e la mattina della domenica non dovevano aspettarsi di certo una notte tranquilla. Ma quello che il sergente Jack Clemmons non poteva prevedere era che quella notte sarebbe stato coinvolto nelle indagini su uno dei casi più clamorosi del secolo: la morte di Marilyn Monroe.
Suicidio o ‘incidente’ dicono i medici legali e conferma l’inchiesta della magistratura, ma il sergente Clemmons non è d’accordo, troppi indizi non lo convincono: per lui si tratta di omicidio. Un’affermazione grave, che procurerà a Clemmons non pochi guai, ma anche la prima delle voci che si levano per confutare il verdetto ufficiale. Dopo i sospetti di Clemmons, altre accuse più pesanti e inquietanti turberanno l’opinione pubblica. Vengono tirati in ballo il presidente degli Stati Uniti, John Kennedy, e suo fratello Bob, la CIA, l’FBI, la mafia, i servizi segreti di vari paesi, l’anonima omicidi, altre associazioni misteriose che sembrano appartenere più al mondo di James Bond che alla realtà. L’immagine della povera Marilyn viene così proiettata in una dimensione allucinante di segreti di stato, ricatti, lotta per il potere, in un carosello infernale di rivelazioni, smentite, confessioni, ritrattazioni che sembra creato apposta per nascondere la verità. Ma cosa ha a che fare con tutto questo l’affascinante bionda di Niagara, il più sconvolgente simbolo del sesso mai apparso sugli schermi? Quale terribile segreto si nascondeva nella sua vita?

Continua a Leggere

2,188 Visite totali, 1 visite odierne

Coppette Mestruali

Coppette Mestruali

Ogni donna,spende all’incirca 2500 euro nell’arco di 10 anni per il consumo di assorbenti,collegati alle mestruazioni. L’impatto ecologico e forte,visto la massa di rifiuti che si creano.

Vi consiglio la coppetta mestruale!

 

 

Continua a Leggere

1,727 Visite totali, nessuna visita odierna

I Vichinghi prima di Colombo? – Parte Prima –

Neve, nebbia, montagne di ghiaccio alla deriva, onde alte più di dieci metri, raffiche di vento a oltre cento chilometri all’ora: un pugno di uomini alle prese con la furia degli elementi nel Nord Atlantico. La loro barca è lunga pochi metri; non c’è radar a bordo, né ci sono bussola, sestante e radio. Lo scafo non è pontato: non c’è quindi alcuna possibilità di ripararsi dalle ondate e dal gelo. Non c’è motore ma solo una vela fissata a un unico albero. Se il vento cade, infuria oltre i limiti del sopportabile o è contrario, si va avanti a forza di remi. Con una barca del genere oggi non ci sentiremmo tranquilli neppure in uno stagno, eppure proprio con simili navi (se così si possono chiamare) i vichinghi partivano dalle loro città nell’estremo nord dell’Europa per andare a conquistare altre terre e per esplorare mondi sconosciuti. Una loro antica leggenda racconta che mille anni fa un navigatore di nome Bjarni si spinse a ovest della Groenlandia fino a scorgere le coste del Labrador. La storia della sua straordinaria avventura accese d’entusiasmo un altro marinaio eccezionale, Leif, figlio di Eric il Rosso, che mise subito in mare la sua barca per andare alla ricerca della terra misteriosa al di là dell’oceano. Non abbiamo una descrizione particolareggiata del suo viaggio. I biondi figli del Nord non erano soliti tenere un diario delle loro imprese: poche indicazioni tecniche per i marinai che in futuro avessero voluto seguire la loro rotta e il resto era lasciato ai racconti da ripetersi la sera accanto al fuoco una volta tornati a casa. Quando riuscivano a tornare. Non è difficile però immaginare le difficoltà incontrate dal temerario Leif e dai suoi uomini percorrendo tratti di mare in tempesta infestati dagli iceberg e con visibilità zero. Solo un coraggio senza limiti e una conoscenza del mare come noi, oggi, non riusciamo nemmeno ad immaginare possono aver consentito una simile impresa.
Intorno all’anno Mille, dunque, Leif sarebbe approdato in America. Cinquecento anni prima di Cristoforo Colombo. Lo sbarco sarebbe avvenuto nella zona oggi compresa tra New York e Boston. È credibile il racconto delle saghe nordiche? C’è chi giura di sì ed enumera, a conforto della sua tesi, i numerosi reperti archeologici di origine vichinga scoperti, anche di recente, in varie località degli Stati Uniti. Ma per molti altri si tratta di puri e semplici indizi che non proverebbero un bel nulla. Dal momento che a dibattere sono scienziati di chiara fama, non è il caso di metterne in dubbio la buona fede. Resta il fatto che, per uno strano gioco del destino, tutte le tracce trovate fino ad ora si prestano a diverse interpretazioni. L’interrogativo, insomma, resta aperto: Bjarni, Leif e gli altri eroi delle saghe vichinghe sono stati i più grandi navigatori mai esistiti o semplicemente dei visionari?

Continua a Leggere

2,985 Visite totali, nessuna visita odierna

Il principe e il suo sicario. Come Cesare Borgia tolse dal mondo Astorre Manfredi:DI Monello Gigi

copj170.asp

 

Ci e stato segnalato questo libro dedicato al nostro articolo su i BORGIA. DI Monello Gigi

Il principe e il suo sicario. Come Cesare Borgia tolse dal mondo Astorre Manfredi

 

 

Roma, Settembre 1499, Rodrigo Borgia, in arte Papa Alessandro VI, volendo metter fine al secolare disordine del suo stato, dichiara decaduti tutti i vicari di Romagna; di nome feudatari, di fatto piccoli re. Con l’apparenza della ragion di stato, ma in realtà per libidine di grandezza, dato a suo figlio Cesare il comando delle milizie, lo incarica di recuperare le antiche dipendenze, concedendogli di farne un dominio tutto suo. Uno dopo l’altro, i signori romagnoli ora scappano, ora son travolti, ora patteggiano la deposizione. La sola Faenza si prepara ad opporsi e a difendere strenuamente il governo dei Manfredi. Attaccata nel Novembre 1500, la città resiste sino all’Aprile successivo, quando, ormai sul punto d’esser presa con la forza, onde evitare le brutture del sacco, capitola ad onorevoli condizioni. Andato a visitare il vincitore, forse circuito dalla sua affabilità, il giovanissimo Astorre accetta di restare con lui. Compiendo l’atto che lo perderà per sempre. Per un anno prigioniero in Castel Sant’Angelo, una notte il disgraziato scompare. Il 4 Giugno 1502 il Tevere ne restituisce il cadavere. Non ha ancora compiuto diciott’anni.

 

Se siete interessati alla storia dei Borgia, questo libro non potrà mancare!!

A voi il link per acquistare!!

CLICCATE QUA PER COMPRARE IL LIBRO!

Per vedere il libro in vendita e per acquistarlo su IBS.it

1,706 Visite totali, nessuna visita odierna

Sale della Giovinezza Rivitalizzante naturale

sali

Benefici

I sali minerali, nell’uomo, sono un elemento importantissimo sia per il sistema nervoso che per quello muscolare. Non a caso è risaputo che dopo un’intensa attività fisica sia fondamentale il reintegro di sali minerali, che vengono espulsi dal corpo durante lo sforzo, con il sudore.
Sale della Giovinezza®*, è importantissimo sia per il sistema nervoso che per quello muscolare. Non a caso è risaputo che dopo un’intensa attività fisica sia fondamentale il reintegro di sali minerali, che vengono espulsi dal corpo durante lo sforzo, con il sudore.

Dal Sale della Giovinezza®* però non traggono beneficio solamente gli sportivi; la sua assunzione quotidiana può essere di grande aiuto anche a chi non pratica sport, per prevenire molti malesseri, sentire piu’energia, per regolarizzare l’intestino.

Continua a Leggere

2,005 Visite totali, nessuna visita odierna

Nuova piattaforma commenti su NOI E LA LUNA

Come avrete notato,abbiamo aggiunto ai commenti la piattaforma DISQUS ,levando il plug in facebook che risultava pesante e lento. Ora per commentare potrete utilizzare  le maggiori piattaforme senza per forza essere registrati al sito o solo a facebook!

Buon inizio giugno! Nuovi articoli per fine settimana! 🙂

1,458 Visite totali, 2 visite odierne

Cesare, Lucrezia e il santo padre – SECONDA PARTE

mistero

 

 

 

 

Un misterioso assassinio
Mentre la voce dei torbidi rapporti tra i Borgia aveva indotto Lucrezia a rinchiudersi nel monastero di San Sisto, sulla Via Ai5pia, un’altra notizia sconvolse Roma: l’assassinio di Giovanni Borgia, duca di Gandia, da poco nominato capitano generale delle milizie pontificie. Tra il popolo si sparse subito la notizia che a ucciderlo era stato il fratello Cesare per strappargli la carica. Un’altra calunnia, probabilmente, ma anche a questa molti prestarono fede e aumentò l’orrore che ormai il nome dei Borgia suscitava ovunque.
Il fatto avvenne nella notte tra il 14 e il 15 giugno 1497. I due fratelli erano stati invitati a cena dalla madre. La tavola era stata apparecchiata nel giardino della villa che Vannozza possedeva nei pressi di San Pietro in Vincoli. Oltre a Giovanni e a Cesare erano presenti il loro fratello Goffredo principe di Squillace con la moglie Sancia, il cardinale Francesco Borgia, figlio di Callisto III, don Rodrigo Borgia, capitano del palazzo apostolico, e don Alfonso, nipote di Alessandro VI. La serata si svolse nel modo più piacevole ma fu turbata, anche se solo per qualche istante, dall’apparizione di un misterioso individuo mascherato che bisbigliò qualcosa all’orecchio del duca di Gandia. A tarda ora la comitiva si sciolse.

Continua a Leggere

2,625 Visite totali, nessuna visita odierna

Cesare, Lucrezia e il santo padre – PRIMA PARTE

mistero

 

Cinquanta cortigiane nude si rincorrono camminando carponi facendo una sorta di slalom intorno a una fila di candelieri posti sul pavimento: una gara alquanto insolita e piccante.. Lo è ancora di più se si pensa che alla singolare scenetta assistono divertiti un papa e due dei suoi numerosi figli. Il pontefice è Alessandro VI, al secolo Rodrigo Borgia, i due figli sono Cesare e Lucrezia. La notizia è riportata da un cronista dell’epoca che, scrivendo oltre, aggiunge nuovi sconcertanti particolari. Se dobbiamo prestargli fede, la conclusione della serata fu tale da far apparire la corsa delle cortigiane un innocente giochetto tra educande. Sono racconti come questo — ma c’è di molto peggio — che hanno gettato addosso ai Borgia una coltre di fango difficile da rimuovere anche a distanza di cinque secoli. Orge, omicidi, rapporti incestuosi tra padre e figlia, tra fratello e sorella, intrighi, tradimenti, torture, crudeltà di ogni genere, depravazioni per tutti i gusti: nella storia è difficile trovare una casata sulla quale siano state scagliate tante accuse. E non solo dai contemporanei. La storiografia successiva ha tenuto viva nei secoli la fama di turpitudine dei Borgia aggiungendo sempre nuovi particolari alle loro infamie. Oggi però si tende a ritenere che molte delle accuse loro rivolte siano false o quanto meno esagerate. Anzi c’è chi, a furia di cercare attenuanti e nello sforzo di ristabilire una verità storica troppo a lungo alterata, giunge addirittura a negare tutte le voci corse sul loro conto, incorrendo in incauti tentativi di riabilitazione che, francamente, sembrano altrettanto eccessivi.
In realtà non ci sono prove certe delle malefatte dei Borgia. Ci sono i pettegolezzi raccolti nelle corti europee e nella stessa Roma, ci sono i racconti dei cronisti, ci sono mucchi di lettere ma sulla loro attendibilità è lecito avanzare qualche dubbio. Così l’interrogativo rimane: Alessandro VI, Cesare e Lucrezia Borgia erano veramente dei mostri?

Continua a Leggere

65,109 Visite totali, nessuna visita odierna

Miti e simboli di Pasqua

logo2

 

Pasqua,festa magica e solare del perenne ritorno della luce e della vita, non a caso segue così da vicino l’equinozio di primavera.

Eun vero peccato che, oggi, presi come siamo da considerazioni di ordine materiale — che per alcuni riguardano semplicemente il profitto a ogni costo, per altri la sopravvivenza a qualsiasi prezzo —, in preda al disincanto, non diamo più alle feste incluse nel nostro calendario il senso reale e vivo che possedevano all’epoca in cui furono create dai nostri antenati.
Più che un senso, queste feste, dette di calendario, avevano un significato simbolico. Collegavano gli uomini ai grandi principi della natura, in un epoca in cui l’amore nei confronti di quest’ultima, dei suoi segreti, dei suoi ritmi volevano veramente dire qualcosa. Ritmi e riti si confondevano.
Nel riprodurre con riti i grandi momenti che scandivano i movimenti ciclici della natura, l’uomo si accordava a essa, al suo ritmo, utilizzava il suo linguaggio, comunicava con essa.

Continua a Leggere

1,985 Visite totali, nessuna visita odierna

I simboli universali: La sorgente

logo2

 

La sorgente è un simbolo di purezza. Ritornarvi è come ritrovare la propria purezza originale, riscoprire l’organo sensoriale dell’anima.

La sorgente è di grande ricchezza simbolica e mistica. Fisicamente, è l’anello della catena senza il quale il ciclo dell’acqua non potrebbe prodursi. Dopo una vita sotterranea, nelle falde freatiche della Terra, sgorga, diventa rivo o ruscello, poi torrente che man mano si ingrossa, si gonfia e si trasforma in fiume, che si allarga sempre di più fino a gettarsi nel mare e proseguire ancora il suo corso nelle correnti agitate, molteplici e incrociate che si cavalcano e s’intrecciano nell’oceano.
Ritorna poi allo stato di vapore, si sposta nell’atmosfera terrestre e ricade sotto forma di pioggia, scorre sulla superficie terrestre o penetra dentro di essa fino nelle sue viscere per zampillare di nuovo, in un posto o in un altro, come sorgente .

Continua a Leggere

2,337 Visite totali, nessuna visita odierna