I 6 Angeli della Vergine

2.gif

31 IL SAPIENTE

Angelo delle persone nate tra il 24 e il 27 agosto circa La sua sfera d’influenza: da 150 a 154° dello zodiaco e da 0 a 4° della Vergine. La combinazione di astri a cui corri sponde: Mercurio, il maestro della sua sfera e del segno nel quale si trova, il Sole, il maestro del decano in cui appare.Il suo numero magico: 83.La sua virtù spirituale: il discernimento.La sua influenza: sostiene coloro che vogliono sviluppare il loro spirito logico e la loro consapevolezza.Le sue caratteristiche positive: mente logica, metodica, coerente, acuta, con centrata sui dettagli. Idee brillanti, rivelazioni, trovate, consapevolezza, presa di coscienza. Capacità  di discernimento, di astrazione, di distacco lucido, di penetrazione e di risoluzione di problemi complessi. Predisposizione e gusto spiccato per la ma tematica, l’algebra, la geometria e l’astronomia. Continua a Leggere

765 Visite totali, nessuna visita odierna

I 6 Angeli del Cancro

2.gif

19 L’AMABILE

1cancro

Angelo delle persone nate tra il 21 e il 25 giugno circa La sua sfera d’influenza: da 90 a 94° dello zodiaco e da 0 a 40 del Cancro.La combinazione di astri a cui corri sponde: Giove, il maestro della sua sfera, Venere, il maestro del decano in cui appare, la Luna, il maestro del segno nel quale si trova.Il suo numero magico: 57.Le sue virtù spirituali: la dolcezza e la sensibilità .La sua influenza: sostiene nei loro sforzi coloro che desiderano sviluppare le potenzialità  della loro memoria, il loro intuito e la loro conoscenza della vita.Le sue caratteristiche positive: indole gentile, dolce, tenera, affettuosa, piuttosto passiva, totalmente ricettiva. Buona memoria, intelligenza acuta e raffinata. Continua a Leggere

1,829 Visite totali, nessuna visita odierna

I 6 Angeli del Leone

97

25 IL MAGO

Angelo delle persone nate tra il 23 e il 27 luglio circa

La sua sfera d’influenza: da 120 a 124° dello zodiaco e da 0 a 4° del Leone. La combinazione di astri alla quale corrisponde: Urano, maestro della sua sfera, Saturno, maestro de! decano in cui appare, il Sole, maestro del segno in cui si trova.Il suo numero magico: 470.

La sua virtù spirituale: la saggezza.

La sua influenza: sostiene chi aspira a indagare, conoscere, rivelare i misteri dell’anima, dell’essere umano e della vita.

Le sue caratteristiche positive: spirito libero, curioso, penetrante, lucido, acuto, che ha sete di sapere e di verità . Volontà  forte, dinamica, concentrata, di sapere, di conoscere, di rivelare. Padronanza di se stessi e del proprio destino. Amore per la pace, la solitudine, il silenzio.

Continua a Leggere

777 Visite totali, nessuna visita odierna

Imbottigliamenti vino APRILE – GIUGNO 2011

imbottigliamento

APRILE 1 / 2 APRILE > 19 / 30 APRILE 2011

Si prosegue l’imbottigliamento,arieggiando nel minore modo possibile i contenitori Il vino residuo nei recipienti deve essere sempre ricoperto con un sottile strato di olio enologico per consentirne la successiva conservazione. Nelle damigiane, è anche opportuno aggiungere una pastiglia anti fioretto (da rinnovare mensilmente) per evitare la formazione di questa alterazione che si manifesta con una dannosa muffa bianca e predispone il vino all’acescenza. le bottiglie piene vanno conservate orizzontalmente nella parte più fresca della cantina, senza temere che il contatto con il tappo possa alterare il sapore del vino: se il sughero è di buona qualità , ciò nonaccade.( Da ricordare che i tappi devono essere asciutti e ben conservati dopo la sterilizzazione. ) Continua a Leggere

761 Visite totali, nessuna visita odierna

Imbottigliamenti vino APRILE – GIUGNO

imbottigliamento

 

 

APRILE 1 / 2 APRILE > 19 / 30 APRILE 2011

Si prosegue l’imbottigliamento,arieggiando nel minore modo possibile i contenitori Il vino residuo nei recipienti deve essere sempre ricoperto con un sottile strato di olio enologico per consentirne la successiva conservazione. Nelle damigiane, è anche opportuno aggiungere una pastiglia anti fioretto (da rinnovare mensilmente) per evitare la formazione di questa alterazione che si manifesta con una dannosa muffa bianca e predispone il vino all’acescenza. le bottiglie piene vanno conservate orizzontalmente nella parte più fresca della cantina, senza temere che il contatto con il tappo possa alterare il sapore del vino: se il sughero è di buona qualità , ciò nonaccade.( Da ricordare che i tappi devono essere asciutti e ben conservati dopo la sterilizzazione. ) Continua a Leggere

885 Visite totali, nessuna visita odierna

I 6 Angeli del Gemelli

2.gif

13 L’ABILE Angelo delle persone nate tra il 21 e il 25 maggio circa La sua sfera d’influenza: da 60 a 64° dello zodiaco e da 0 a 4° dei Gemelli. La combinazione di astri alla quale corrisponde: il Sole, maestro della sua sfera, Nettuno, maestro del decano in cui appare, Mercurio, maestro del segno in cui si trova.Il suo numero magico: 78.La sua virtù spirituale: la felicità  trovata grazie alle affinità  elettive o alla simpatia reciproca.La sua influenza: sostiene chi mostra di nutrire sentimenti fedeli, chi aspira al l’unione e adotta un comportamento solidale.Le sue caratteristiche positive: grandi doti di adattamento e di assimilazione. Intuizione, lucidita chiarezza, spirito critico, anticonformismo. Capacità  di distaccarsi, di considerare con obiettività , di prendere le distanze. Natura fedele, amichevole, socievole, simpatica. Intelligenza viva, ricettiva, ispirata, radiosa, comunicativa. Immaginazione brillante. Continua a Leggere

722 Visite totali, nessuna visita odierna

I 6 Angeli del Toro

97

 

 

 

7 IL SERENO Angelo delle persone nate tra il 21 ed il 25 aprile circa La sua sfera d’influenza: da 30 a 34° dello zodiaco e da 0 a 4° del Toro.La combinazione di astri a cui corri sponde: Mercurio, il maestro della sua sfera e del decano dove appare, Venere, il maestro del segno in cui si trova.Il suo numero magico: 37.

Le sue virtù spirituali: pazienza e serenità  di spirito.La sua influenza: egli sostiene coloro che aspirano a fare scoperte importanti, a penetrare i grandi misteri, le grandi forze della natura, rispettando i suoi principi e i suoi elementi.

Le sue caratteristiche positive: natura ricca di buon senso, spirito pratico e sa no, buon istinto. Carattere sereno, paziente, solido. Amore sia per i compi ti semplici sia laboriosi, difficili, impegnativi. Doni e talenti sicuri per esercitare attività  artigianali, per compiere opere utili, per provvedere ai bisogni altrui. Realismo e materialismo. Sentimentalismo. Continua a Leggere

756 Visite totali, nessuna visita odierna

I 6 Angeli dell’Ariete

 97

Gli angeli sono figure simboliche, divise nei 72 settori o sfere d’influenza dello zodiaco, ognuno dei quali possiede un segno particolare.Lo zodiaco è composto da 12 segni che sono stati divisi in 36 decani e 72 settori. Un decano occupa 10 gradi dello zodiaco, mentre un settore è formato da 5 gradi, si tratta cioè un semidecano. A ciascuno dei settori o sfere d’influenza, vengono attribuiti significati diversi, rappresentati da un angelo, che non è altro che una figura simbolica che rimanda a una divinità , a un genio o a uno spirito della natura dell’antichità . Ecco i primi 6 angeli dello zodiaco. Continua a Leggere

784 Visite totali, nessuna visita odierna

Impariamo a mangiare : Buona alimentazione e La Pasta

40.gif

E’ facile trovarsi addosso qualche chilo di troppo: non a caso la nostra epoca, di consumismo anche alimentare, vede il proliferare di diete di ogni tipo.L’accumulo di scorie tossiche e dovuto a una cattiva alimentazione che crea l’aumento di peso.Iniziamo a capirci qualcosa e approfondiamo l’argomento PASTA

PERCHE L’ORGANISMO E INTOSSICATO?

Stress.” Aria e acqua inquinate.” Scarso movimento.” Assunzione di troppi cibi concentrati e
acidificanti.” Scarsa assunzione di cibi acquosi e alcalinizzati,” Errate associazioni alimentari.Meno tossine si producono, meno ci si gonfia. Eliminare tossine vuol dire anche sgonfiarsi e perdere peso. Disintossicarsi significa anche dimagrire. Continua a Leggere

954 Visite totali, 1 visite odierne

Ercole e lo Zodiaco : Le Fatiche nei 12 segni (QUINTA – SESTA)

13.gif

5- LE STALLE DI AUGIA E IL SEGNO DELLA VERGINE

Ora sorprendiamo il nostro eroe in procinto di compiere una fatica che non ha nulla di eccezionale, ma che mette in luce i! nostro comportamento di fronte alle ricchezze della Terra, così come la necessità  di non danneggiare le opere meritorie, spesso abbondanti, di nostra Madre natura e di fare ordine mettendo fine agli abusi e agli eccessi. Tutto ciò, non ha nulla di straordinario, ma si rivela tuttavia essenziale. Secondo noi, si tratta ditemi e di preoccupazioni che sono decisamente attuali, in un momento in cui l’inquinamento dovuto a uno sfruttamento troppo intensivo delle risorse terre stri flagella il nostro pianeta e minaccia gravemente il suo ecosistema. A Elide, nel Peloponneso, penisola montagnosa a sud della Grecia, viveva un re di nome Augia, nome che può essere tradotto come raggio scintillante; questo re era comunemente considerato figlio di Helios, il Sole, e d’Hyrminè, nome il cui significato è il ronzio degli alveari. Figlio del Sole e delle api, dunque, Augia non poteva che essere benedetto dagli dei. E, in effetti, aveva ereditato dal padre le mandrie di bestiame più numerose della Terra. Inoltre, i suoi animali, che non si ammalavano mai, erano di una fecondità  tale che si riproducevano senza fine partorendo quasi esclusivamente delle femmine.Possedeva, comunque, anche trecento tori neri e duecento tori riproduttori. Aveva, tra l’altro, sotto sua tutela do dici tori bianchi consacrati a Helios, suo padre, ma che avevano anche il ruolo di guardiani della sua immensa mandria contro le fiere numerose delle colline vicine.Tuttavia, da quando era divenuto signore di quelle mandrie, Augia non si era mai preoccupato di far togliere il letame che si accumulava pericolosa mente all’interno di quelle che sembravano più stalle che scuderie. Inoltre, le terre della vallata di Elide erano ricoperte di un tale strato di sterco, che non potevano più essere nè coltivate nè seminate.Di conseguenza, questa magnifica valle del Peloponneso non solo emanava un odore molto sgradevole, ma era diventata sterile a causa della negligenza di Augia.Inviato da Euristeo nel suo regno per eliminare questo odore terribile e rendere di nuovo fertile la terra, Ercole si recò dal re e si vantò di poter ripulire le stalle in un solo giorno. In cambio, fu convenuto che, una volta compiuta questa sua fatica, Augia gli avrebbe dato un decimo della sua mandria. Tuttavia, il re di Elide non credette un solo istante che Ercole sarebbe riuscito nell’impresa in un giorno. Per lui, quindi, si trattava di un imbroglio. Continua a Leggere

1,257 Visite totali, nessuna visita odierna

Ercole e lo Zodiaco : Le Fatiche nei 12 segni (TERZA – QUARTA)

13.gif

3- LA CERVA DI CERINEA E IL SEGNO DEL CANCRO

Dopo aver conquistato la forza d’animo con la prima fatica e la giustizia con la seconda, Ercole trascorre un intero anno per seguendo una virtù altrettanto grande, la saggezza, simboleggiata da una cerva dalle corna d’oro tra le cui ramificazioni brillava il sole e il cui corpo era così imponente e massiccio, che sembrava più un cervo che una cerva. Tuttavia, stando alla leggenda originale che riporta alla terza fatica imposta a Ercole, si tratta proprio di una cerva, la stessa che fu consacrata alla dea Artemide dopo che quest’ultima l’ebbe seguita fino alla collina di Cerinea, dove l’animale si era rifugiato.

In origine, con altre quattro sue simili – che la dea Diana (versione romana di Artemide) avrebbe attaccato al proprio carro -, questa cerva dai piedi di bronzo faceva parte di un gruppo di cinque che abbandonò per non cadere tra le mani della dea. Rinunciando ad aggiogarla al suo carro, Artemide-Diana non rinunciò però alla cerva, che alla fine le fu consacrata.

Questo fatto scatenò la collera di Era, l’ispiratrice delle dodici fatiche, la quale volle allora che Ercole andasse a riprendere la cerva di Cerinea rapita da Artemide, senza però fare uso della forza. Continua a Leggere

893 Visite totali, nessuna visita odierna

Cosa e chi sono i Vampiri Energetici

13.gif

Pochi sospetterebbero che un sintomo assai frequente tra le vittime di aggressioni vampiriche è lo sbadiglio. O meglio, una serie di sbadigli. Con lo sbadiglio, infatti, come ci insegnano le tradizioni popolari sulla magia, si tenta di recuperare l’energia perduta. Tuttavia parliamo solo di un sintomo principale,ma possono seguirne molti altri quali la cattiva digestione, la noia, la stanchezza, il sonno.. Un aggressione vampirica,con furto di energia vitale, lascia sempre pesanti tracce nella vittima, anche se quest’ultima, ignara dell’esistenza stessa del meccanismo, non le rileva, oppure le attribuisce a malesseri e ad eventi inerenti quali nervosismo, la tendenza alla malinconia, un improvviso blocco mentale, una debolezza personale, un difetto del carattere.La mancanza di analizzare certi stati d’animo crea una tendenza a sfuggire al loro approfondimento, considerando con sufficienza, spesso con disprezzo, i segnali interiori che potrebbero indicarci la strada giusta.Il Vampiro, infatti, rispetto a noi, ha un vantaggio fondamentale: che lui le paranoie se le fa e come, nel senso che non trascura alcun particolare per ottenere ciò che gli interessa. Tutta la sua attenzione, come l’attenzione di una belva predatrice, è volta ad analizzare le debolezze dell’avversario, i punti di cedimento, i tempi giusti dell’attacco, il dosaggio delle energie da succhiare affinchè la vittima non si metta troppo sulla difensiva. Continua a Leggere

914 Visite totali, nessuna visita odierna

Ercole e lo Zodiaco : Le Fatiche nei 12 segni (PRIMA – SECONDA)

13.gif

Il ciclo delle 12 Fatiche di Ercole, che costituisce una delle più celebri leggende della mitologia greca, è in analogia con i 12 segni dello zodiaco.Tutti conoscono Heraklès, Eracle, l’eroe della mitologia greca, il semidio dal corpo dotato di eccezionale potenza muscolare. Nella mitologia latina, Eracle assunse il nome di Hercules, passato poi nella forma italiana come Ercole ed è a tale nome che si fa riferimento nell’evocare il suo mito e le sue imprese.Al pari di Tarzan e Zorro, egli fece parte, nel corso degli anni Cinquanta e Sessanta, del pantheon degli eroi dei film cosiddetti di serie B che fecero la gioia dei bambini e degli adolescenti dell’epoca.Naturalmente, sceneggiatori poco scrupolosi non ebbero la minima esitazione a interpretare in questi film molto liberamente e in modo quantomeno disinvolto, le leggende della mitologia greca e in particolare quella delle 12 Fatiche che si ricollegano alla figura di Ercole.In effetti, tutto lascia pensare che esso rappresenti l’insieme delle 12 tappe che l’uomo deve superare lungo il cammino della liberazione, della conoscenza, della verità  oppure, se si preferisce, secondo una interpretazione più spirituale o mistica, le 12 prove con le quali l’anima deve confrontarsi per liberarsi dal corpo, dall’involucro carnale e quindi per non essere più vittima dei desideri, delle passioni, del bene e del male e del ciclo eterno, senza fine, delle rinascite.

Continua a Leggere

2,098 Visite totali, nessuna visita odierna

Cosa sono i Vampiri Energetici?

Pochi sospetterebbero che un sintomo assai frequente tra le vittime di aggressioni vampiriche è lo sbadiglio. O meglio, una serie di sbadigli. Con lo sbadiglio, infatti, come ci insegnano le tradizioni popolari sulla magia, si tenta di recuperare l’energia perduta. Tuttavia parliamo solo di un sintomo principale,ma possono seguirne molti altri quali la cattiva digestione, la noia, la stanchezza, il sonno.. Un aggressione vampirica,con furto di energia vitale, lascia sempre pesanti tracce nella vittima, anche se quest’ultima, ignara dell’esistenza stessa del meccanismo, non le rileva, oppure le attribuisce a malesseri e ad eventi inerenti quali nervosismo, la tendenza alla malinconia, un improvviso blocco mentale, una debolezza personale, un difetto del carattere.La mancanza di analizzare certi stati d’animo crea una tendenza a sfuggire al loro approfondimento, considerando con sufficienza, spesso con disprezzo, i segnali interiori che potrebbero indicarci la strada giusta.Il Vampiro, infatti, rispetto a noi, ha un vantaggio fondamentale: che lui le paranoie se le fa e come, nel senso che non trascura alcun particolare per ottenere ciò che gli interessa. Tutta la sua attenzione, come l’attenzione di una belva predatrice, è volta ad analizzare le debolezze dell’avversario, i punti di cedimento, i tempi giusti dell’attacco, il dosaggio delle energie da succhiare affinchè la vittima non si metta troppo sulla difensiva. Continua a Leggere

877 Visite totali, nessuna visita odierna

Terremoto in Giappone

articoli.gif

I terremoti o Tsunami, in questi ultimi anni,stanno mettendo in ginocchio continenti,nazioni,popolazioni,intere parti della terra.Per quanto questi eventi siano naturali,ce da porsi una domanda: E colpa dell’uomo?Certo! L’essere umano,dalla civilizzazione,dall’inizio dello sfruttamento di giacimenti di petrolio,gas,energia nucleare, ha solo velocizzato la risposta del pianeta per eliminare questo parassita. Noi. Non animali,quali orsi,cani,gatti,ratti,piccioni,pulci e zecche,ma SOLO NOI. Noi persone.Abusiamo ogni giorno dello spazio che ci e concesso. Sporcizia ovunque,test nucleari,utilizzo di macchine indiscriminato.Siamo tutti dei maiali. E adesso paghiamo. Magari non noi personalmente,ma i figli dei nostri figli si troveranno di fronte un apocalisse,molto piu grande di quello che la popolazione mondiale sta subendo ora.La natura soffoca,da continui abbattimenti di alberi,dallo smog di auto.Io non possiedo una macchina e mai la vorro. Ogni tanto attendendo il bus,guardo passare le macchine in strada. Vi siete mai accorti di quanta gente giri in auto da sola? Magari sono famiglie,un auto non basta. Una la moglie,una il marito,una il figlio maggiorenne.L’altro giorno ero al lavoro a verbania con mia madre, mi sono resa conto,come sia diventata una citta automunita a discapito del verde. 31.115 abitanti,io ho vissuto li 25 anni. Sono rimasta scioccata a vedere le solite macchine che giravano per un ora in cerca di un posteggio,quando poi la persona che c’era su abitava 200 metri piu in la. Pur di non fare troppa fatica o prendere un mezzo….Aime non e che i mezzi pubblici siano un aiuto,sporchi,puzzolenti, con l’autista che e perennemente al cellulare,100 persone che non pagano il biglietto e 10 che lo pagano e devono stare in piedi sentire costanti bestemmie durante il viaggio da ragazzini che escono da scuola,ti sbattono lo zaino in faccia,gente che per passare il tempo si fa le vasche…Passando poi ai possessori di cani : L’animale non ha colpa,i padroni di piu. Passeggi con un bimbo o in passeggino e il marciapiede e una zona minata. Non potedo uscire in orari trafficati,i possessori di animali che poco amano raccogliere le felicita dei loro cagnolini,pensano bene di farlo la mattina presto,cosi nessuno li vede che non raccolgono le liete cacche.Proprio stamani usciamo : questa persona con un alano ,nella sua bella figura snella,pensavate che si intravvedesse il rotolo di sacchettini dalla sua tasca?No macche,lo porta nelle vie un po secondarie,in modo che non si debba prendere il disturbo di fare il lavoro schifoso di raccogliere la cacca del suo “cavallo”…cosi quache altro fortunato essere potra incapparvi.E poi magari altri si domandano perche gli operatori ecologici lasciano le strade da schifo! Hanno ragione!Ma dopo il mio sfogo personale,torniamo al terremoto/i.Vorrei postarvi qualche articolo tratto altrove,come avrete gia letto l’asse terrestre si e nuovamente spostata e questo ovviamente,anche se dicono che sia una modifica non percepibile per l’uomo,lo e di sicuro per il mondo animale e vegetale. Certa gente e talmente ottusa da dire ” tanto non e variato nulla” Continua a Leggere

802 Visite totali, nessuna visita odierna

Le Affinita nello Zodiaco Celtico

2.gif

Come i Mesopotamici, gli Egizi e i Cinesi, i Celti osservavano con attenzione il cielo e le stelle. Ma in Europa -contraria mente a quanto accadeva nelle regioni del Medio Oriente e dell’Africa, in cui fiorirono le civiltà  dei Su meri e degli Accadi, di Babilonia e d’Egitto -, la natura era rigogliosa. I deserti erano rari, e dovunque sorgevano foreste fitte e misteriose che erano come frontiere naturali tra tribù rivali. E dunque logico che i Celti abbiano scelto di far comparire nel loro zodiaco alberi anzichè stelle, ponendo il proprio destino sotto il segno di uno di essi e facendo risalire a ciascun albero le caratteristiche originali e specifiche dell’individuo la cui nascita coincidesse con il periodo del l’anno nel quale tale pianta era considerata sacra. Continua a Leggere

1,223 Visite totali, nessuna visita odierna