Le “Lampade” di Dendera e la “Pila” di Baghdad

misteri

Scoperte verso la metà  dell’ 800 da Auguste Mariette, fondatore del Museo Egizio del Cairo, le cripte di Dendera offrirono ai loro scopritori numerosissimi bassorilievi di pregiata fattura, raffiguranti, secondo gli archeologi, scene di rituali religiosi.Sulla maggior parte di questi si notano infatti scene di processioni, ma un bassorilievo in particolare, denominato “pietra delle serpi”, oltretutto l’ unico che si può ancora ammirare nell’ unica cripta lasciata aperta ai visitatori dopo che nel 1973, vi si verificarono dei furti, suscita ad un occhio attento molte perplessità  sia sull ‘interpretazione data dagli archeologi sia su quello che l’ autore dei bassorilievi volesse rappresentare.La familiarità  dei manufatti raffigurati in queste incisioni non può non farci riflettere. Continua a leggere

 2,094 total views