Aborigeni Australiani-Origini della magia Australiana e il sogno

92.gif

La magia degli aborigeni australiani è stata plasmata dalle dimensioni, dalla stabilità  geologica e storica, e dalla scarsa densità  demografica dell’Australia. Prima dell’arrivo dei coloni europei, duecento anni fa, gli aborigeni abitavano in 7.686.884 chilometri quadrati di territorio, nove decimi dei quali pianeggianti. Originariamente, vivevano principalmente nelle zone costiere ma, quando si stabilirono gli insediamenti europei, furono costretti a trasferirsi nell’entroterra semiarido o desertico.Gli aborigeni arrivarono dall’Asia sud orientale in due migrazioni al meno 40.000 anni fa, e vissero in un ininterrotto e peculiare isolamento e in armonia con la natura. A causa del loro stretto rapporto con le forze naturali, perfino qualcosa di apparentemente insignificante come lo sbocciare d’un particolare fiore divenne per essi un segno che certi animali stavano per entrare nel loro territorio. Quando sbocciavano i gialli fiori delle acacie, ciò indicava che oche gazze sarebbero volate di acquitrino in acquitrino nella loro migrazione annuale e quindi potevano essere catturate.Per gli aborigeni, la magia era inseparabile da questo mondo natura le e la vita era un continuo rituale. La loro tradizione è orale, tramandata attraverso miti e rituali, e dipinta sulle pareti delle grotte e di formazioni rocciose naturali. I graffiti rupestri illustravano specialmente la credenza degli aborigeni nel Tempo del Sogno quando i loro dèi crearono gli esseri umani da piante, animali ed elementi naturali, che divennero i loro totem o spiriti guardiani.Particolarmente importanti erano i canti, che avevano poteri magici.

Continua a leggere

 2,099 total views